Covid: Google mostra come gli uomini siano diventati più violenti contro le donne in tutto il mondo

I dati sui motori di ricerca dimostrano che gli uomini si sentono vittime e cercano come azzittire o punire le donne

Liz Plank
Liz Plank
Editorialista di MSNBC, giornalista e autrice pluripremiata, è stata l'ospite di "Positive Spin". Il suo libro, " For the Love of Men: A New Vision for Mindful Masculinity ", è stato pubblicato nel 2019.



Questa pandemia non è stata solo più dura per le donne, è stata anche più mortale. A febbraio, una donna e sua madre sono state uccise dal fidanzato della donna a Dallas: lui ha poi condiviso le sue scuse in diretta su Instagram prima di togliersi la vita. A marzo, un’infermiera è stata uccisa dal suo ex-fidanzato in Minnesota, e ad aprile i centralinisti hanno ricevuto un’agghiacciante chiamata al 911 da una bambina di 9 anni a Brooklyn dopo che suo padre aveva ucciso sua madre e le sue due sorelle nel mezzo della sua festa di compleanno.

Negli Stati Uniti, i dati suggeriscono che il numero di uomini accusati di aver ucciso le loro mogli o le loro fidanzate è in realtà  raddoppiato

Il femminicidio aumentato in tutto il mondo

Non c’è modo di indorare la pillola: gli uomini su scala globale stanno sempre più uccidendo le donne che pretendono di amare. E non è solo in America. Secondo un rapporto di marzo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la forma più diffusa di violenza subita dalle donne nel mondo è prevenibile, e non viene dal proverbiale uomo nero nel vicolo ma viene da uomini che le donne conoscono e con cui probabilmente condividono il letto, altrimenti (e piuttosto eufemisticamente) conosciuta come: violenza intima del partner.

Durante i lockdown, i femminicidi sono aumentati globalmente: Dal Messico al Sud Africa al Regno Unito. La violenza domestica è aumentata del 300% nella sola provincia cinese di Hubei, epicentro della pandemia

François Legault

In Quebec, un’impennata di femminicidi nell’ultimo mese ha spinto il premier François Legault a rivolgersi direttamente agli uomini. “Non c’è niente di virile nell’essere violento con una donna”, ha detto in una conferenza stampa. “Non ha senso nel 2021 vivere come barbari”. Eppure, dopo quel discorso appassionato, Legault ha interrotto gli sforzi per aumentare i fondi per i rifugi per le donne. Il voto è arrivato pochi giorni dopo la Giornata Internazionale della Donna.

La ricerca delle parole chiave su Google

Le ricerche su Google che provengono da donne riportano frequentemente le frasi: “Mi vuole uccidere” o “Mi picchia sempre” che raccolgono milioni di risultati, anche se nessuna di queste ricerche sembrano avere un riscontro nelle denunce per la violenza domestica. Le donne chiedono aiuto. Google potrebbe ascoltarle, ma le sta aiutando? Se i termini di ricerca sul suicidio collegano assiduamente un utente di internet con link per dissuaderlo dal farsi del male, perché Google non fa lo stesso per gli abusi domestici, specialmente se milioni di sopravvissute si rivolgono esplicitamente a Google per chiedere aiuto? Nel frattempo, quando ho digitato “come controllare la tua donna” da Venice, in California, il motore di ricerca ha suggerito una litania di articoli che istruiscono un lettore maschio su come abusare psicologicamente della sua partner intima.

Uno dei primi link proposti da Google era un post di un blog che offriva una guida per gli uomini su come limitare ciò che una partner indossa, dove viaggia, cosa mangia e persino su come spende i suoi soldi

Cosa cercano gli uomini

Queste sono tutte caratteristiche del “controllo coercitivo”, recentemente riconosciuto come una forma criminale di abuso domestico alle Hawaii (leggi simili sono in cantiere a New York e nel Connecticut). Invece di essere dissuasi dal fare del male alle donne, gli utenti maschi di internet sono persuasi a riconoscersi come vittime. “Sarò schietto”, inizia uno degli articoli più consigliati: “Stai leggendo questo perché ti stai facendo frustare dalla tua ragazza”. Google mi ha anche fatto scendere ulteriormente nella tana del coniglio misogino perché mi ha spinto a cliccare su altri termini di ricerca suggeriti come “come controllare emotivamente una donna” e “come manipolare la tua ragazza”. Anche i video di YouTube che proponeva erano inquietanti.

Il primo video suggerito, “How to Control Your Girlfriend”, mostra una fantasia di vendetta distopica maschile misogina di un protagonista uomo che comanda le azioni e i comportamenti della sua ragazza con un telecomando in mano

“Quando qualcuno cerca un termine che mostra l’intenzione di far male fisicamente a una donna, abbiamo bisogno di un’interruzione immediata”, ha detto al New York Times Ted Bunch, cofondatore dell’organizzazione di difesa A Call to Men. La sua organizzazione, che ha co-fondato con Tony Porter, educa uomini e ragazzi in tutto il mondo sulla mascolinità sana per cercare di prevenire tutte le forme di violenza di genere e la discriminazione, e per promuovere l’equità e l’inclusione. Il suo gruppo ha recentemente collaborato con il North Carolina Department of Public Health per realizzare una campagna digitale progettata per interrompere gli uomini che cercano di acquistare sesso online.

Educare i maschi

Bunch crede che interventi mirati per le ricerche online che spingono gli uomini verso l’educazione piuttosto che la radicalizzazione possano creare un cambiamento comportamentale duraturo che alla fine rende le donne più sicure. “Ci vogliono finanziatori visionari e leader dell’industria che sono disposti a guardare a metodi di prevenzione innovativi per creare questi tipi di interruzioni”. Non sono solo le aziende tecnologiche che devono smettere di incentivare gli uomini ad abusare delle donne.

Google e altri motori di ricerca stanno seguendo l’esempio di funzionari pubblici, teste parlanti e altri che continuano a dipingere la violenza maschile contro le donne come un problema delle donne

il Violence Against Women Act

Joe Biden

Il presidente Joe Biden ha co-scritto il Violence Against Women Act e ha sostenuto la campagna di prevenzione della violenza sessuale “It’s On Us”. Allora perché è rimasto in silenzio sulla crisi del femminicidio negli Stati Uniti? Mentre il suo disegno di legge sul Covid-19 aiuterà certamente alcune sopravvissute a fuggire dalla violenza, con disposizioni come crediti d’imposta per l’assistenza all’infanzia e buoni per l’alloggio, la violenza degli uomini contro le donne non può essere risolta prendendo di mira solo le donne.

Abbiamo bisogno di una task force da parte di questa amministrazione per promuovere e legiferare una mascolinità positiva

“È importante per tutti gli uomini, funzionari eletti, amministratori delegati, allenatori, padri, leader religiosi e della comunità, identificare dove hanno influenza e come possono usare la loro piattaforma per promuovere una virilità sana”, ha detto Bunch. “Mentre la maggioranza degli uomini non sono violenti, troppi uomini sono in silenzio quando si confrontano con la violenza domestica, l’aggressione sessuale, le molestie sessuali, il comportamento di controllo o una battuta sessualmente oggettivante. Quel silenzio è un problema tanto quanto lo sono la violenza e l’abuso”. L’hashtag anti-femminista #NotAllMen ha fatto tendenza ancora una volta dopo l’uccisione di Sarah Everard il mese scorso nel Regno Unito. Ma se gli uomini sono stanchi di sentirsi dire che sono loro il problema, forse è il momento che diventino parte della soluzione. Gli uomini che fanno parte di Google e della Casa Bianca potrebbero essere un ottimo inizio.

____________________

Questo articolo è stato scritto da Liz Plank, opinionista di MSNBC, e pubblicato il 26 aprile su MSNBC – Traduzione DonnexDiritti

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen