I “Crimini Invisibili” della violenza contro le donne: quando è la giustizia a commettere un reato

Per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, donnexdiritti lancia la video inchiesta di Luisa Betti Dakli sulla vittimizzazione secondaria delle donne in tribunale, sui prelievi forzati dei bambini, sui giudici che applicano teorie ascientifiche sulla base di false diagnosi

325

Per la GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE donnexdiritti.com ti invita da martedì 23 novembre a seguire ogni settimana le 11 puntate della video inchiesta “CRIMINI INVISIBILI” di LUISA BETTI DAKLI, giornalista d’inchiesta esperta di diritti umani e direttrice del web journal DonnexDiritti Network.

Di cosa si parla?

Violenza domestica ridotta a conflitto di coppia nei tribunali civili, uomini violenti che rimangono impuniti, bambini prelevati con forza e collocati in casa famiglia sulla base di false diagnosi, giudici che applicano teorie ascientifiche rivittimizzando le donne che hanno denunciato abusi, psicologi che manipolano i vissuti riferiti disconoscendo i maltrattamenti in famiglia. Succede in Italia e Luisa Betti Dakli è andata a vedere cosa c’è sotto, dando voce alle donne punite da istituzioni che ignorano l’inferno vissuto in famiglia da cui queste madri cercano di fuggire. Una prassi che va contro le leggi in vigore, e quindi inapplicate, e che viene meno all’impegno preso nei confronti di convenzioni internazionali ratificate dal nostro Paese come la Convenzione di Istanbul, la Convenzione per l’eliminazione della discriminazione contro le donne, la Convenzione sui diritti del fanciullo, la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, la Convenzione di Strasburgo, ecc.

Dove trovo l’inchiesta?

Troverai le storie di queste sopravvissute e dei loro figli, nelle video interviste e negli articoli su donnexdiritti.com dal 23 novembre in poi ogni settimana. Le puntate e tutto il materiale dell’inchiesta sarà disponibile anche nelle pagine Facebook, YouTube e Instagram di donnexdiritti.