Perché l’India non è un paese per donne: uno stupro ogni 15 minuti

Il femminicidio di Jana, una studentessa di 20 anni brutalmente violentata e uccisa, sta sollevando il Paese

Aakash Hassan
Aakash Hassan
Giornalista freelance



Era stato un giorno storico per le donne in India. Mamata Banerjee e il suo partito avevano ottenuto una vittoria spettacolare in Bengala occidentale, sconfiggendo il partito nazionalista Hindu Bharatiya Janata (BJP) del Primo Ministro, Narendra Modi, ribaltando completamente le previsioni. Assicurandosi il terzo mandato come Prima Ministra nel Bengala occidentale, Mamata Banerjee è la prima e sola donna a ricoprire una posizione così importante in India (ndr, prima ministra di uno stato dell’India).

Il femminicidio di Jana a Calcutta

Jana

Il giorno successivo, mentre in TV si parlava di come la vittoria di Banerjee rappresentasse non solo una forza in grado di contrastare Modi, ma anche qualcosa che l’ha resa una donna potente in un paese così patriarcale, una studentessa di 20 anni, conosciuta come Jana (la sua identità non può essere pubblicata per la legge indiana), veniva circondata e messa in un angolo da due uomini in un villaggio, circa 112 km a ovest di Calcutta, la principale città del Bengala. I due operai stavano lavorando su una casa abbandonata della sua famiglia, adiacente alla loro casa a due piani.

“La ragazza è stata circondata dai due uomini – ha detto la polizia – e Quando si è ribellata, uno le ha coperto la bocca e l’altro l’ha trascinata dentro la casa abbandonata dove l’hanno brutalmente violentata e uccisa”

In India uno stupro ogni 15 minuti

Tutto ciò è accaduto, secondo la polizia, di fronte a una donna operaia che è rimasta in silenzio mentre gli uomini soffocavano Jana fino a ucciderla. Il caso sottolinea ancora una volta come l’India sia uno dei posti più pericolosi dove essere una donna. Qui viene denunciato uno stupro ogni 15 minuti, secondo il Report annuale sui crimini del Ministro degli Interni. La maggior parte dei colpevoli sono conoscenze della vittima, come in questo caso in cui i due uomini hanno lavorato per mesi alla casa e sono conosciuti dalla famiglia di lei. A causa dello scoppio di violenze avvenuto subito dopo le elezioni, l’uccisione di Jana è stata a malapena riportata dai giornali indiani nazionali.

Gli studenti del college dove Jana studiava sono scesi in piazza il giorno dopo che è stato ritrovato il corpo della ragazza, portando con loro cartelli e striscioni, e hanno chiesto giustizia e l’impiccagione degli stupratori. Gli studenti hanno continuato le loro proteste per parecchi giorni prima che il paese venisse messo sotto lockdown a causa dell’aumento di casi di Covid.

Sanka Chatterjee è stato il primo ufficiale di polizia sulla scena. “Era ricoperta di sangue” ha detto. “Non mi sono mai sentito così impotente e arrabbiato in tutti i miei 11 anni di servizio come mi sono sentito guardando il suo corpo morto”

Chatterjee ha detto che tutta la polizia di fronte alla scena del crimine si è messa a piangere. “È stato insopportabile rendersi conto del trattamento brutale a cui è stata sottoposta”, ha detto.

La legge è cambiata ma i processi non vanno avanti

Nel 2012, dopo il brutale stupro di gruppo e l’uccisione di una studentessa su un autobus in Delhi, le statistiche di violenza sessuale in India sono state portate all’attenzione internazionale. Migliaia sono scesi per le strade chiedendo giustizia per la vittima, che è stata chiamata dai media Nirbhaya, che significa “senza paura”. A causa della pressione pubblica, una nuova legge ha stabilito che la condanna per stupro è di 20 anni, mentre i quattro stupratori sono stati impiccati a marzo 2020.

Ciononostante, sembra che poco sia cambiato. Le statistiche governative del 2020 mostrano che 244.000 casi di stupro e violenza sessuale contro donne e bambini sono state ancora in sospeso dentro i tribunali

La polizia ha detto di aver arrestato tre sospetti riguardo il caso di Jana ma devono ancora procedere con il rinvio a giudizio in tribunale. Il ritardo ha fatto sentire la famiglia di Jana piena di rabbia e sconsolata. “Siamo pronti a combattere perché giustizia sia fatta” ha detto la sorella maggiore di 25 anni. “Ma c’è ancora questa sensazione nella mia famiglia per cui non riceveremo mai giustizia”.

La richiesta della famiglia di Jana

Mamata Banerjee

Pochi giorni dopo l’omicidio, la famiglia ha scritto alla prima ministra, sperando che Banerjee assicurasse un’azione rapida, ma non hanno avuto risposta. Gli altri studenti di Jana ricordano un’anima coraggiosa che lottava contro l’ingiustizia. “Ogni volta che c’erano problemi, a livello di college o qualcosa di più grande, lei usava la propria voce“, ha detto un compagno di classe, SK Sahil, che è uno degli studenti che chiedono giustizia per Jana sui social media. Per la sua famiglia, Jana era una ragazza vivace che amava la musica e aveva una passione per i viaggi. “Aveva recentemente aderito a un corso di canto e ci stava andando rigorosamente”, ha detto sua sorella, aggiungendo che spesso parlava dei luoghi che voleva visitare e di come avrebbe risparmiato i suoi soldi per viaggiare. Suo padre, che è un agricoltore, e la madre, operatrice sanitaria della comunità, sono stati devastati dal crimine avvenuto.

“La loro salute mentale è stata compromessa gravemente, non solo perché è successa una cosa così terribile, ma perché è successa nella nostra casa, così vicina a loro”, ha detto la sorella di Jana

Dall’incidente il villaggio, circondato da verdi risaie, è stato stranamente silenzioso con gli abitanti del villaggio che temevano di avventurarsi fuori, anche durante il giorno. “Non lascio che mia moglie e le mie ragazze escano da sole”, ha un abitante del villaggio, che non ha voluto essere nominato. Chatterjee ha detto di non essere mai stato coinvolto in un caso così doloroso. “Stiamo collegando ogni punto nella nostra indagine e raccogliendo tutte le prove in modo, dato che il caso sta stagnando in tribunale. Vogliamo ottenere la più alta pena possibile”, ha detto.

Cosa succede nei tribunali indiani

Vrinda Grover

Ma i tribunali sono accusati di affrontare casi di stupro con atteggiamenti patriarcali e regressivi. All’inizio di quest’anno un ex giudice capo della Corte Suprema dell’India ha chiesto a un uomo accusato di aver stuprato una bambina di sposare la vittima per risolvere il caso. L’incidente ha causato indignazione in India. Vrinda Grover, avvocata e attivista, ha detto che le riforme legali sono state introdotte nel 2013 come risposta alla protesta pubblica per la giustizia, ma la violenza sessuale continua perché

“lo Stato e la società non sono disposti a investire risorse che potrebbero eliminare le disuguaglianze, le discriminazioni e i pregiudizi contro le donne”

Tuttavia, Grover ha detto di essere ottimista sul futuro perché “le donne non sono più disposte a soffrire in silenzio”. “Le donne in India – ha spiegato – tanno sfidando e parlando contro tutte le forme di violenza sessuale, spesso basandosi sulla nuova legge, che stabilisce uno standard normativo che ha in primo piano l’integrità corporea e l’autonomia sessuale come dimensioni della dignità e privacy di una donna. L’insistenza e l’affermazione delle donne che rivendicano la libertà come cittadine eguali, mentre cercano giustizia nei tribunali e nelle strade, costringeranno lo stato e la società a trasformarsi”.

___________________

Questo articolo è stato scritto da Aakash Hassan e pubblicato l’11 giugno 2021 su The Guardian – Traduzione di DonnexDiritti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen