Nazioni Unite: l’inapplicazione della Convenzione di Istanbul è ovunque

Dieci anni dopo la nascita del trattato per porre fine alla violenza di genere, per Dubravka Šimonović, Special rapporteur dell'Onu, si stia verificando un declino per i diritti delle donne e un abbassamento della loro tutela in tutto il mondo

Sarah Johnson
Sarah Johnson
Giornalista del Guardian e Reporter sui diritti umani e lo sviluppo globale. Ha scritto "A Nurse's Story" sulla vita in pronto soccorso prima e durante Covid con Louise Curtis.



Dieci anni dopo il lancio della Convenzione di Istanbul, lo storico trattato sui diritti umani per porre fine alla violenza di genere, le donne stanno affrontando un assalto globale ai loro diritti e alla loro sicurezza personale, secondo quanto riportano le organizzazioni per la tutela dei diritti umani.

La vera pandemia è la violenza contro le donne

Dubravka Šimonović, special rapporteur ONU

Dopo 10 anni da quando i primi 13 paesi hanno firmato la Convenzione, vista come un punto di svolta negli sforzi per affrontare la violenza contro le donne, e nonostante 46 paesi abbiano poi firmato il trattato, il mondo è stato colpito da una pandemia di violenza contro le donne, esacerbata dal Covid 19, secondo l’ONU. “La pandemia di Covid ha rivelato ciò che stava già accadendo in precedenza”, ha detto Dubravka Šimonović, la special rapporteur ONU sulla violenza contro le donne, che ha spiegato come in tutto il mondo si sia verificato un incremento significativo delle telefonate alle linee di aiuto per la violenza domestica, delle denunce di donne scomparse o uccise, e una mancanza generale di spazi sicuri per quelle che stanno affrontando maltrattamenti.

“Abbiamo una pandemia di violenza contro le donne che non è stata considerata e affrontata adeguatamente da un largo numero di paesi”, ha spiegato Šimonović

Il ritiro della Turchia

L’aumento della violenza contro le donne e le ragazze è speculare a una reazione politica in verità contro la Convenzione di Istanbul che rappresenta il primo quadro internazionale giuridicamente vincolante per prevenire la violenza domestica, proteggere le sopravvissute e promuovere l’uguaglianza. Nel mese di marzo, con una diffusa condanna interna e internazionale, la Turchia, luogo di nascita della Convenzione, ha annunciato che si sarebbe ritirata dal trattato a partire da luglio.

Recep Tayyip Erdoğan

Il ritiro della Turchia dalla convenzione è il culmine di anni di retorica anti-femminista, anti-femminile e anti-LGBTQ+ da parte dei suoi politici, tra cui il presidente, Recep Tayyip Erdoğan, che ha pubblicamente e ripetutamente affermato che non crede nell’eguaglianza tra uomini e donne. Tanto che il suo governo ha collegato la tutela e la protezione delle donne al loro rimanere in casa con le loro famiglie per avere più figli. “Abbiamo perso una rete di sicurezza”, ha detto Elif Ege del centro antiviolenza “Mor Çati” a Istanbul.

“La convenzione di Istanbul non è stata attuata correttamente nel corso degli anni ma non significa che fosse inefficace: era uno strumento significativo nelle mani delle organizzazioni femministe”

L’opposizione in Ucraina e Slovacchia

In Ucraina c’è stata una forte opposizione alla firma e ratifica della convenzione da parte di gruppi religiosi che la percepiscono come una minaccia ai “valori della famiglia”. Halyna Fedkovych e Marta Chumalo di Women’s Perspectives, un’organizzazione ucraina per i diritti delle donne, hanno detto di aver ricevuto il doppio delle richieste di aiuto e che le donne hanno dovuto affrontare crescenti ostacoli all’accesso alla giustizia.

Le attiviste hanno indicato il caso di una donna con un bambino di 15 mesi picchiata dal marito, e quando i servizi sociali sono arrivati, l’hanno rimproverata e accusata di essere una cattiva madre perché il pavimento era troppo sporco

Miroslava Bobáková, co-direttrice del Fondo Slovacco-Ceco per le Donne, ha detto che in Slovacchia, che ha firmato il trattato, la Convenzione è sempre più vista come “un’essenza del male”. La situazione nel Paese è particolarmente drammatica per le madri single, le donne che vivono in povertà e quelle della comunità rom.

Gli altri paesi nel mondo

In Messico, 10 donne vengono uccise ogni giorno. In Perù tra marzo e luglio 2020, ci sono stati 11.000 casi di violenza contro le donne, secondo il Ministero delle donne, con quasi il 30% delle ragazze assalite sotto i 18 anni. In Egitto, che non ha mai firmato la Convenzione di Istanbul, si sono moltiplicati i tentativi di mettere a tacere le attiviste femministe per aver violato i cosiddetti valori familiari.

Mozn Hassan

“Non avere una sfera pubblica per discutere, porta alla violenza sistematica”, ha detto Mozn Hassan, dell’Organizzazione per i diritti delle donne Nazra. Sia Hassan che la sua organizzazione devono affrontare ripetute aggressioni da parte dello Stato. Tuttavia, le attiviste e i gruppi per i diritti delle donne, hanno insistito sul fatto che la Convenzione di Istanbul rimane un’arma potente nella lotta per porre fine alla violenza di genere. “Nonostante le flessioni vediamo miglioramenti”, ha detto Šimonović. “Anche prima della ratifica, i 34 stati che hanno firmato hanno dovuto attuare nuove leggi per proteggere le donne”.

_____________________________

Questo articolo è stato scritto da Sarah Johnson e Ruth Michaelson, ed è stato pubblicato il 13 maggio 2021 su The Guardian – Traduzione di DonnexDiritti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen