Abolizionisti alla riscossa: come le piccole città americane riescono a far passare norme anti-aborto

Il predicatore Mark Lee Dickson è riuscito a convincere 23 città texane a dichiararsi “città santuario per coloro che non sono nati”, rendendo l’aborto punibile con 2.000 dollari di multa e a loro si è aggiunto anche un villaggio del Nebraska




Durante l’ultimo anno di pandemia, 23 piccole città del Texas hanno approvato leggi locali contro l’aborto nominandosi “città santuario per coloro che non sono nati”, facendo passare delle ordinanze per rendere le procedure abortive punibili fino a 2.000 dollari. Ad aprile, il piccolo villaggio di Hayes Center, Nebraska, è diventato il 24esimo e il primo fuori dal Texas.

La politica contro l’aborto dei piccoli centri in Texas

Mark Lee Dickson

“Potremmo mai vedere una clinica per aborti in Hayes Center? Io credo di no”, ha affermato Kim Primavera, fiduciaria di Hayes Center. Quattro dei cinque fiduciari del villaggio sono donne, la maggior parte sono giovani e rappresentano circa 280 persone. “Ma è sempre meglio essere propositivi che reattivi nella vita in generale”, ha detto. L’Hayes Center-Times Republican, il giornale locale che Primavera possiede parzialmente, ha riportato che nessuno in città si è schierato contro questo tipo di misura. Le città e i loro leader differiscono, ma c’è una costante: il predicatore itinerante Mark Lee Dickson, direttore della piccola no-profit “Right to Life of East Texas”.

“Non ho una storia in merito all’aborto, sono un 35enne ancora vergine. Ma ho visto l’impatto di suicidi e il problema del gettare la vita al vento”, ha detto Dickson. “È per questo che sono così appassionato riguardo all’aborto”

Dickson ha attraversato il sud nell’ultimo anno in piena pandemia a bordo di una Ford F-150 del 2008, sperando di diffondere le ordinanze oltre il Texas. In tutti i casi, viene invitato e si presenta solo quando c’è un supporto significativo. Le ordinanze anti-aborto chiamano “omicida” questo tipo di procedura sanitaria e “organizzazioni criminali” gli operatori. “Questa gente ha preso sul serio l’affermazione di Joe Biden in merito alla volontà di permettere l’aborto sicuro e legale per ogni casella postale statunitense” (ndr significa in ogni luogo).

La spaccatura del movimento pro-life americano

Le ordinanze di Dickson si trovano a cavallo di una spaccatura nel movimento anti-aborto, tra il mainstream incentrato sul contenzioso e gli estremisti di base, e arrivano mentre la destra americana cerca di definirsi post-Trump in mezzo a una marea crescente di terrorismo interno. Da un lato ci sono persone come Primavera, direttrice di un centro per gravidanze e madre di sei figli, che afferma che le madri sono vittime di dottori che operano aborti.

Negli ultimi anni la spinta del movimento anti-aborto ha cercato di ricollocarsi come la vera fonte del femminismo americano vedendo le donne come vittime dell’aborto

Mary Ziegler

Dall’altro lato c’è un crescente movimento di base dominato da uomini che affermano che l’aborto dovrebbe essere perseguito come un omicidio, e sia le donne che gli uomini dovrebbero essere accusati di omicidio. Le ordinanze di Dickson hanno preso in presto queste idee e sono state accolte con entusiasmo da questi gruppi. Questi “abolizionisti” militanti hanno visto incrementare i propri successi spingendo per delle leggi che criminalizzino l’aborto e condividendo una certa affinità con l’ideologia anti-governativa delle milizie di destra. “Non c’è assolutamente nessuna differenza tra le priorità sostanziali di questi gruppi”, ha affermato Mary Ziegler, professoressa al Florida State University College of Law e recente autrice di “Abortion in America: A Legal History, Roe v Wade to the Present”.

“Il disaccordo riguarda diciamo più o meno come ottenere la criminalizzazione dell’aborto nel modo più rapido ed efficace”

Tutto è cominciato da Waskom, in Texas

L’ordinanza di Dickson è stata approvata per la prima volta a Waskom, in Texas, una città di 1.600 residenti, dove l’avvocato della città descrive gli incontri come per lo più “una formalità” e dove il segretario della città firma tutte le e-mail con “buona giornata”. Waskom si trova a ovest di Shreveport, in Louisiana, dove si trova una delle sole tre cliniche per aborti rimaste in quello Stato. Mentre i legislatori della Louisiana esercitavano crescenti pressioni sulla clinica affinché chiudesse, Dickson ha affermato di voler impedire a qualsiasi clinica di arrivare in Texas, anche se tale proposta non era stata fatta dal 1991. Tuttavia, ha chiamato gli assessori di Waskom. “Quando li ho contattati si trattava di proteggere Waskom”, ha detto Dickson. “Non avevo in mente nessun’altra città

I sei assessori della città hanno ritenuto attraente l’ordinanza e hanno approvato una misura per punire i medici e chiunque “aiuti e favorisca” un aborto, con una multa di $ 2.000. Le donne che hanno scelto l’aborto erano esenti dalla punizione

A livello nazionale, l’ordinanza è stata accolta con scherno. La foto di sei uomini dai capelli grigi del Texas orientale che votano per vietare l’aborto è diventata virale. Dickson e Waskom sono finiti al centro di un vortice mediatico per cui avevano allenato la città fino a quel momento. Quando la CNN, il New York Times e l’Associated Press hanno chiamato per l’ordinanza, Dickson ha scritto i suoi suggerimenti per il sindaco Jesse Moore, le ha inviate via e-mail al segretario della città e ha chiesto se Moore vi trovasse qualcosa di interessante.

Non è chiaro se alla fine Moore abbia utilizzato il virgolettato. “La vita umana innocente deve essere sempre protetta e preservata”, ha scritto Dickson in una e-mail al segretario comunale. “Anche questa sarebbe una grande citazione. Fammi sapere se lui [il sindaco] è d’accordo”, ha scritto.

L’attenzione diffusa ha spinto l’interesse verso l’ordinanza mentre i media conservatori hanno iniziato a portare alla ribalta i successi di Dickson. Gli è valso anche il sostegno monetario dello studio legale religioso della Thomas More Society

L’arrivo delle querele e delle bocciature

L’azienda rappresentava Waskom e altre sei città quando sono state citate in giudizio dall’American Civil Liberties Union (ACLU) per diffamazione dopo aver chiamato i fornitori di aborti “organizzazioni criminali” nelle loro ordinanze. Anche l’ex procuratore generale del Texas, Jonathan F Mitchell, noto per il suo lavoro contro i sindacati, ha offerto i suoi servizi alle città citate dall’ACLU. “Abbiamo un avvocato al villaggio”, ha detto Primaveria, “ma in questo caso Mitchell ha accettato di rappresentare le città”.

Ma anche con il peso degli avvocati dietro le ordinanze, alcune città hanno ancora trovato la legislazione troppo divisiva. I leader di Carthage, in Texas, dove si trova una statua di 14 piedi di Gesù Cristo nella periferia orientale della città, hanno votato contro l’ordinanza. È semplicemente una scelta politica di cattivo gusto, hanno sostenuto i leader. “Non abortire è una scelta che spetta al singolo individuo”, ha detto Ida Beck, commissaria di Cartagine, in una riunione in cui l’ordinanza è stata bocciata, secondo il quotidiano locale Panola Watchman. “Sono loro che dovranno trovarsi di fronte a Dio e affrontarlo”.

Ma il fatto che Dickson sia ancora impegnato ad approvare tali ordinanze, viaggiando in Texas, Nebraska e Missouri, è la prova di come l’amministrazione Trump abbia conferito potere alla base e agli attivisti più estremisti

Le minacce contro la Corte suprema riguardo all’aborto

Donald Trump

La divisione all’interno del movimento anti-aborto ricorda un altro periodo della storia americana: i primi anni ’90, quando la violenza contro coloro che fornivano aborti e le cliniche raggiunse il picco. Allora come oggi, le speranze erano alte che la Corte suprema conservatrice potesse rendere illegale l’aborto. Il movimento “abolizionista” condivide anche alcuni degli stessi leader di quel periodo. “C’è molto ottimismo nel movimento anti-aborto in questo momento”, ha detto Ziegler. “Se la Corte Suprema non farà ciò che la gente vuole, ci sarà più di una minaccia di violenza”. Gli Stati Uniti hanno già visto un aumento dell’incidenza del terrorismo interno, anche contro le cliniche per aborti.

l’emancipazione degli estremisti durante l’amministrazione Trump e la dichiarazione di Trump secondo cui “deve esserci una qualche forma di punizione”, hanno incoraggiato quest’ala anti-aborto

Trump ha legittimato l’estremismo contro l’interruzione di gravidanza

Gli “abolizionisti”, che si paragonano agli attivisti anti-schiavitù del XIX secolo, hanno esortato i governi statali e locali a vietare l’aborto all’interno dei confini della città, criminalizzare i fornitori di aborto, impedire ai gruppi per i diritti riproduttivi di operare all’interno di determinate giurisdizioni, per punire le donne che abortiscono e designare le “città santuario” per i nascituri.

Matthew Trewhella

“C’è una strage in corso e parte del governo dovrebbe farsi avanti e fermarla”, ha detto Matthew Trewhella alla telecamera in un video di YouTube di marzo. Trewhella è uno degli autori di un testo chiave del movimento “abolizionista”, la “Dottrina dei Magistrati Minori”. Il gruppo di Trewhella, Defy Tyrants, proclama sulla loro pagina Facebook: “La corte suprema non fa la legge”. Dickson ha ottenuto il plauso di Defy Tyrants, anche se la maggior parte del movimento “abolizionista” vuole andare oltre.

gruppi che hanno avuto successo nell’introdurre leggi in Arizona, Oklahoma e Texas per accusare di omicidio le donne che hanno abortito

Abolizionisti a costo di usare la violenza

Julie Burkhart

Trewhella è stato un leader di spicco del movimento anti-aborto negli anni ’90 ed è stato tra coloro che hanno sostenuto che la violenza contro i fornitori di aborti è “omicidio giustificabile”. Il movimento per l’abolizione dell’aborto ha anche legami con i movimenti per i diritti delle armi da fuoco. In un’immagine, un gruppo di cinque sostenitori di “Defy Tyrants” posano con fucili in stile AR-15 e un cartello che dice: “Lo stato non è Dio”. In un altro caso, un funzionario del partito repubblicano del Montana e un pastore locale si sono uniti per creare la prima “città santuario” sia per i “non nati” che per i diritti sulle armi. Norman, Oklahoma, appena fuori Oklahoma City, negli ultimi anni è diventato un focolaio di organizzazioni “abolizioniste”. “È stato sforte a Oklahoma City”, ha detto Julie Burkhart, fondatrice e CEO di “Trust Women”, che gestisce cliniche per aborti lì e in Kansas. Burkhart è un ex assistente del dottor George Tiller, assassinato nel 2009.

nel 2021, un uomo armato che si recava regolarmente in luoghi pubblici per protestare contro il controllo delle armi, si è presentato fuori da una clinica per aborti, armato di fucile, pistola e coltelli

“Non so cosa stava succedendo nella sua testa”, ha detto Burkhart. “Sia che fosse rimasto lì pacificamente o iniziato a sparare alle persone, è stato agghiacciante e il personale era terrorizzato”. Dickson, che era presente all’insurrezione del 6 gennaio al Campidoglio, ha detto che si oppone rigorosamente alla violenza.”Non ti sto dicendo nulla che non ho detto all’FBI o altro, ma ero vicino al Campidoglio”, ha detto Dickson. “Tutti gli atti distruttivi che sono accaduti lì mi trovano assolutamente in disaccordo”.

Tuttavia, non si oppone nemmeno agli sforzi degli abolizionisti. “Non li vedo come nemici, li vedo dalla stessa parte. Tuttavia, abbiamo opinioni diverse su come le cose dovrebbero essere implementate”. La sfida più grande per Dickson è dietro l’angolo. Gli elettori di Lubbock, in Texas, decideranno se la loro città di 253.000 abitanti debba essere descritta come una “città santuario” per i non nati. Il voto non annullerebbe il diritto di ottenere l’aborto a Lubbock. La legge federale sostituisce quella locale. Ma un successo potrebbe seminare confusione, accumulare pressione su Planned Parenthood e galvanizzare ulteriormente un movimento deciso a delegittimare i tribunali.

____________________________

Questo articolo è stato scritto da e pubblicato il 27 aprile su The Guardian – Traduzione di DonnexDiritti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen