Iran: Nasrin Sotoudeh trasferita nella prigione “inferno” di Qarchak

L'avvocata per i diritti umani condannata per attivismo a 38 anni e 148 frustate, ha il Covid e vive in condizioni estreme

Reza Khandan
Reza Khandan
Attivista iraniano, marito dell'avvocata per i diritti umani Nasrin Sotoudeh attualmente in carcere in Iran per aver rappresentato le battaglie per i diritti delle donne, dei bambini, delle minoranze e dei dissidenti.



La bambina ha solo tre anni. Si avvicina a mia moglie Nasrin Sotoudeh, che è seduta in un angolo del cortile della prigione, e chiede: “Zia, puoi raccontarmi la storia della zucca rotolante?” Sonbol è una bella ragazza dai capelli d’oro, nata qui nella prigione di Qarchak. Sua madre era incinta quando è stata arrestata per rapina in banca. Ora vivono in un posto che i detenuti chiamano “la fine del mondo.”

Nasrin Sotoudeh trasferita nella “prigione inferno”

Nasrin Sotoudeh

Nasrin è stata ingiustamente e crudelmente imprigionata dal giugno 2018 per il suo lavoro legale in rappresentanza dei diritti umani e delle attiviste per i diritti delle donne. È stata condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate. Secondo la legge deve scontare almeno 12 anni. Nell’ottobre 2020, Nasrin è stata portata fuori dalla prigione di Evin e le è stato detto che sarebbe stata portata all’ospedale per curare i suoi problemi cardiaci.

Hanno mentito e l’hanno portata a Qarchak. Poco dopo il suo arrivo, Nasrin ha preso il COVID-19. Mi ha detto che il coronavirus si era diffuso nella sua sezione e molte detenute si erano ammalate

Il carcere di Qarchak

Il carcere di Qarchak, la prigione femminile della provincia di Teheran, si trova 25 miglia a sud est della capitale iraniana, Teheran. Undici anni fa, l’Iran Prison Organization decise di istituire una prigione femminile a Teheran. Dal momento che non c’erano prigioni vuote disponibili, una struttura che in origine era stata un allevamento industriale di mucche e in seguito serviva come alloggio per tossicodipendenti, è stato scelto per detenere temporaneamente detenute di sesso femminile fino a quando non fosse stato possibile costruire una struttura adeguata. Non è mai successo.

Il carcere “fogna” di Qarchak

Entrata del carcere di Qarchak

Qarchak detiene oltre 1.400 donne, molte delle quali condannate per crimini violenti. Un muro è stato costruito intorno alla prigione senza osservare gli standard di costruzione o utilizzando materiali appropriati. È circondato da fattorie di cammelli e struzzi. La prima volta che ho guidato fino alla prigione, con mia assoluta sorpresa, ho trovato cammelli che vagavano nel parcheggio. A Qarchak, 13 detenute hanno bambini piccoli. Sonbol è una di loro. Una volta Nasrin le ha chiesto se era mai stata fuori dal carcere in licenza. “Sì, una volta”, ha risposto: “Mio padre mi comprò del kabab e del riso. Era delizioso”. Molti dei reparti sono un luogo dove le donne condannate per reati gravi esercitano autorità e dominio.

L’estorsione, combattimenti e attacco ad altre compagne di cella con vetri rotti e rasoi, sono normali attività quotidiane per loro. Lo stupro e l’abuso sessuale sono tra le minacce più pericolose che alcune di queste prigioniere impongono alle altre

Parcheggio del carcere

Poiché non c’è una vera e propria fogna per lo scarico di una prigione di queste dimensioni, il cattivo odore permea l’aria del carcere. Tanto che Nasrin mi dice: “Sento sempre che i miei polmoni sono pieni dell’odore delle acque di scarico”. La prima volta che ho visitato l’ufficio della prigione per discutere di un permesso per Nasrin, ho fatto qualche passo e quell’odore mi è entrato nel naso. Ho chiesto all’ufficiale che mi accompagnava l’origine del tanfo. Lui mi ha detto che non lo sapeva, ma ha aggiunto: “È sempre lì. Non va mai via”. All’inizio del suo incarico in prigione, è stato così male per quell’odore che gli hanno prescritto due settimane di riposo per riprendersi.

Da quando ha iniziato a fare più caldo, il fetore è diventato insopportabile ed È talmente rancido che sembra di vivere dentro una fogna. Le lettere e le lamentele di Nasrin sulla situazione sono rimaste tutte senza nessuna risposta

Allagamenti, tarantole e bagni impraticabili

Lunedì scorso è stato il giorno di visita alla prigione. Ho notato che la pioggia della notte prima aveva inzuppato molti dei tappeti e coperte delle detenute. Il tetto del reparto di Nasrin perdeva in almeno dieci punti. Anche se le detenute avevano messo pentole e padelle sotto le perdite, l’acqua era ovunque. In risposta alle lamentele di Nasrin, il responsabile della sicurezza ha risposto: “Anche il tetto della mia stanza perde”. E non resistendo a una risposta sarcastica, lei ha detto: “Vuoi che veniamo a riparare il tuo ufficio?” Nasrin riferisce anche, insieme a tutti i tipi di insetti e scarafaggi, di aver avvistato tarantole all’interno delle celle.

Il sovraffollamento è così grave che ogni cella di dieci metri quadrati contiene dodici letti con quattro file di letti a castello triple. Nessuna delle stanze ha finestre o altri sistemi di filtrazione dell’aria

I bagni esterni

Invece di seguire gli standard architettonici e i principi di progettazione, le autorità carcerarie continuano ad aggiungere muri per estendere lo spazio e portare più detenuti. Lo stato dei bagni in prigione è un’altra triste storia che non può essere descritta a parole. Ho scattato una foto di un bagno nel parcheggio che gli agenti, autisti di autobus e visitatori tra cui avvocati, possono utilizzare. Una toilette è incredibilmente sporca e fatiscente. E, naturalmente, non c’è sapone. Un’amica che aveva trascorso del tempo in isolamento a Qarchak mi ha detto che i bagni nelle celle di isolamento sono molto peggio. L’isolamento viene usato per punire le detenute, ed è un vero disastro in tutti i sensi della parola. Anche chi si trova nel braccio della morte deve trascorrere lì gli ultimi giorni della sua vita. Entrare in queste celle è come essere trasportato nel Medioevo.

L’acqua da bere è salmastra 

Non è chiaro quale sia la fonte d’acqua nella prigione, ma è così salata e non trattata che col tempo provoca danni irreversibili ai reni e ad altri organi. Il cibo in tutte le prigioni iraniane è immangiabile, e Qarchak non è diverso. È estremamente unto e malsano. Alcune donne stanno digiunando durante il mese di Ramadan, e i funzionari della prigione stanno usando la festa come una scusa per non servire il pranzo a nessuna delle detenute.

Se una prigioniera chiede il pranzo, deve svegliarsi alle 2:00 o 3:00 di notte per ricevere il Suhur: il primo dei due pasti giornalieri che i musulmani mangiano durante Ramadan. E non consumeranno un altro pasto per almeno 10 o 12 ore

Sono stato trattenuto nel carcere di Evin per quattro mesi nel 2018. Ricordo un giorno in cui servivano spaghetti con grumi di soia. Ho pensato: potrei almeno mangiare i noodles. Ma dopo il secondo cucchiaio sono dovuto correre in bagno. Il cibo aveva un sapore così cattivo, ed era stato preparato in modo così malsano che non era commestibile. In tutto il tempo che ho passato nel reparto generale di Evin, non hanno mai servito carne, pollo o pesce. Sono passati più di sette mesi da quando Nasrin è stata portata a Qarchak. Non sono stato in grado di portare i bambini a farle visita a causa del lungo tragitto e delle condizioni insalubri della prigione. E questo crea molto dolore a entrambi. Ma anche la sala delle visite ha una sua storia.

Le cabine sono costruite in modo che i bambini piccoli o bassi non possano raggiungere il vetro per vedere i volti delle loro mamme in prigione

Come il cibo, non credo sia un incidente. Lo scopo di tenere prigioniere donne in un tale luogo è di fare pressione e abusare psicologicamente di loro e delle loro famiglie. Forse l’unico vantaggio del trasferimento di Nasrin a Qarchak è che può conoscere le condizioni disumane di questo luogo di esilio e aumentare la nostra consapevolezza. Tutti noi abbiamo la responsabilità di aiutare gli altri.

La piccola Sonbol, sua madre, Nasrin, e tutte le altre donne nella prigione di Qarchak hanno bisogno del sostegno dell’opinione pubblica, delle organizzazioni per i diritti umani e dei governi di tutto il mondo

Esorto le Nazioni Unite a condurre un’indagine indipendente su tutte le prigioni iraniane e a chiudere immediatamente il carcere femminile di Qarchak. La dignità, la salute e la sicurezza delle donne, dei bambini e delle famiglie ovunque, non meritano di meno.

__________________________________

Questa lettera di Reza Khandan, marito di Nasrin Sotoudeh, è stata scritta e pubblicata sul suo profilo Facebook il 3 maggio 2021, tradotta in inglese e pubblicata il 5 maggio 2021 su MsMagazione – Traduzione italiana di openddb.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen