La più grande piattaforma pedopornografica della dark web

I procuratori tedeschi hanno detto che “Boystown” aveva 400.000 membri sparsi in tutto il mondo

Melissa Eddy
Melissa Eddy
Corrispondente con sede a Berlino che si occupa di politica, questioni sociali e cultura tedesche per il New York Times.



I procuratori tedeschi hanno smantellato una piattaforma online che condivideva immagini e video raffiguranti abusi sessuali sui bambini, composta da più di 400.000 membri da ogni parte del mondo. Il sito, chiamato “Boystown”, ha iniziato a circolare almeno dal 2019 e includeva pagine dove i membri potevano condividere e scambiarsi immagini e video con bambini, inclusi neonati, mentre veniva abusati sessualmente in tutto il mondo. In aggiunta a queste pagine, c’erano a disposizione chat dove si poteva interloquire in varie lingue.

L’incubo di “Boystown”

Horst Seehofer

I procuratori federali tedeschi l’hanno descritta come “uno dei siti più grandi di pedo-pornografia che ci sono in circolazione del dark web”, all’interno di un comunicato che hanno rilasciato lunedì, annunciando l’arresto di tre uomini tedeschi che hanno gestito il sito e un quarto che ha postato migliaia di immagini. “Questo successo investigativo porta con sé un messaggio chiaro: coloro che se la prendono con i più deboli non sono mai al sicuro”, ha detto il Ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer. “Stiamo rendendo gli autori di questi reati responsabili per le loro azioni e stiamo facendo tutto ciò che è umanamente possibile per proteggere i bambini da questi crimini ripugnanti”.

Nel corso degli ultimi dieci anni, la Germania ha dato il via a una campagna governativa che include un’unità speciale investigativa per i crimini online, nel tentativo di combattere gli abusi sessuali sui minori. Mentre questo sforzo ha permesso di scoprire numerosi networks molto sofisticati, decine di migliaia di nuovi casi di abusi sono stati denunciati alle autorità ogni anno.

La settimana scorsa il Parlamento tedesco ha approvato una legge che inasprisce le pene contro i condannati per sfruttamento sessuale o abuso di minori

Gli amministratori del sito “Boystown”, di 40 e 49 anni, sono stati arrestati dopo incursioni nelle loro case a Paderborn e Monaco di Baviera, hanno detto i procuratori. Un terzo uomo accusato di essere amministratore, 58 anni, viveva nella regione di Concepción in Paraguay, dove è stato arrestato in attesa di estradizione. I procuratori hanno affermato che gli uomini gestivano il sito sul dark web, che è accessibile solo tramite alcuni software e che viene utilizzato dai criminali senza essere rintracciati.

Qui, oltre a gestire i server e fornire supporto ai membri, coloro che gestivano la piattaforma insegnavano agli utenti come navigare sul sito riducendo al minimo il rischio di essere rilevati o attirare sospetti. Un quarto uomo, 64, è stato arrestato ad Amburgo con l’accusa di aver caricato più di 3.500 immagini e video di abusi sul sito, come uno dei suoi membri più attivi. Adesso dovrà affrontare le accuse di far parte del sito e di aver condiviso del materiale che ritrae abusi sessuali su minori.

La legge tedesca è cambiata

Una task force di polizia tedesca ha trascorso mesi a indagare sulla piattaforma, con i suoi amministratori e utenti in collaborazione con Europol, l’agenzia di polizia dell’Unione europea, e le autorità di supporto di Australia, Canada, Paesi Bassi, Svezia e Stati Uniti. Nessuno dei sospettati è stato indentificato tramite il proprio nome, conformemente alle leggi sulla privacy tedesche. Il mese scorso, il Parlamento tedesco ha approvato una legge che amplia la capacità delle autorità di perseguire coloro che sono sospettati di abusi sui minori e che inasprisce le pene di 15 anni per chiunque venga condannato per aver abusato sessualmente un minore.

Coloro che invece sono sono condannati per diffusione di materiale contenente abusi e maltrattamenti su minori dovrà vedersela con 10 anni di prigione, il doppio rispetto a quanto previsto precedentemente. I legislatori hanno fatto riferimento alle statistiche criminali che hanno mostrato un aumento del 65% del numero di crimini che coinvolgono sfruttamento sessuale o abuso di minori dal 2018 al 2019.

La scorsa settimana, un ex stella della squadra di calcio nazionale, Christoph Metzelder, è stato condannato a 10 mesi per possesso e condivisione di foto di ragazze di età inferiore a 10 anni gravemente abusate sessualmente

Christoph Metzeldeer

Metzelder ha confermato alcune delle accuse e si è scusato con le vittime, cosa per cui il giudice ha detto di aver preso in considerazione nel diminuire la pena. Ma molti tedeschi, tra cui alcuni ex compagni di squadra di Mr. Metzelder, hanno protestato affermando come la punizione fosse troppo blanda. “Non vedo come tali affermazioni dovrebbero agire come un deterrente,” ha detto al giornale Bild Lukas Podolski, membro della squadra 2014 che ha vinto la Coppa del Mondo di calcio per la Germania. “Chi commette reati contro i bambini deve essere punito con tutto il peso della legge.”

________________________________

Questo articolo scritto da Melissa Eddy, corrispondente del NYT a Berlino, è stato pubblicato il 3 maggio 2021 sul New York Times – Traduzione di DonnexDiritti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen