Irlanda, il 60% delle ragazze sono molestate in strada: due senatrici chiedono di multare con una legge

Erin McGreehan e Lorraine Clifford-Lee, senatrici del Fianna Fáil, vogliono una legislazione sul modello francese

Lisa ODonnell
Lisa ODonnell
Deputy news editor per l'Irish Daily Mail



­­”Gli uomini che fischiano alle donne per strada dovrebbero essere multati”, ha detto la portavoce del Fianna Fáil (Partito Repubblicano) per i bambini e l’uguaglianza nel Seanad Éireann (Senato irlandese). La Senatrice Erin McGreehan ha portato attenzione sull’argomento dopo un’inchiesta che riporta che sei ragazze su dieci sono regolarmente vittime di molestie per strada.

La recente ricerca ha scoperto che il 60% delle ragazze sotto i 20 anni è stata vittima di catcalling nella settimana precedente

La ricerca sulle molestie in strada

Senatrice Erin McGreehan

La Senatrice McGreehan ha detto a Newstalk: “La ricerca Amárach, fatta con il College di Maryfield in Drumcondra, ha realmente evidenziato che le nostre giovani, le nostre ragazze e le nostre bambine, vengono molestate con commenti sessualmente espliciti. Penso quindi che dovremmo essere in grado di proteggerle, in modo che le donne possano sentirsi al sicuro per la strada”. Il problema dovrebbe essere affrontato attraverso la “consapevolizzazione, l’educazione e una legislazione in merito. Francia e Belgio lo hanno già fatto, e penso che abbiamo un grosso problema qui in Irlanda”, ha detto la Senatrice, aggiungendo che una eventuale legge potrebbe trasformare il modo in cui le persone vedono questi commenti osceni, dato che ignorando questi comportamenti si potrebbe venire a creare un “effetto domino”, conducendo a un incremento della violenza sessuale.

“Le persone potrebbero cominciare a rendersi conto che non sono commenti innocenti, né delle battute, ma che sono in realtà insinuazioni sessuali non richieste che non fanno sentire meglio una donna, non la fanno pensare, una volta tornata a casa: sì, oggi sono una grande”

Noeline Blackwell

Ci fa sentire in bilico e c’è la paura continua di essere aggredite fisicamente. Recentemente abbiamo visto parlare di quanto ci sentiamo insicure come donne nelle nostre strade”, ha concluso Erin McGreehan. Noeline Blackwell, CEO del Dublin Rape Crisis Centre, ha detto che se da una parte introdurre le multe sarebbe un passo in avanti nella giusta direzione, dall’altra è convinta che solo un cambiamento sociale profondo riuscirà a risolvere il problema.

“A meno che un agente non lo veda di fronte ai suoi occhi, sarà necessario che la vittima presenti una denuncia penale, cosa che la maggior parte delle donne non vogliono fare”, ha detto all’Irish Daily Mail

Senatrice Lorraine Clifford-Lee

Ha spiegato inoltre che chi può intraprendere davvero un’azione concreta per fermare il cat calling, è chi vi assiste. Se le persone cominciano a dire “Adesso basta, non ti stai comportando correttamente, questa cosa che stai facendo non è giusta”, allora le cose potrebbero cambiare. Nel 2018 la Francia ha fatto passare una legge contro le molestie sessuali verbali e solo nel primo anno, più di 700 uomini sono stati multati. Coloro che infrangono la legge sono passabili di multa fino a 1.500,00 euro se la vittima è sotto i 15 anni. La Senatrice del Fianna Fáil, Lorraine Clifford-Lee, ha detto al Mail che lei supporterebbe la possibilità di una legge che multi gli offender. “Fa parte della cultura generale della violenza nei confronti delle donne, con la quale abbiamo un problema. Perché? Basta guardare la quantità di donne che sono state uccise”.

_______________________________________

Questo articolo è stato scritto da Lisa ODonnell, ed è stato pubblicato il 3 aprile 2021 su Extra.ie – Traduzione DonnexDiritti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen