Le Yazide si ricongiungono con i figli nati dagli stupri dell’Isis

Gli anziani però ripudiano questi bambini e costringono le madri a scegliere tra i loro figli e la loro comunità

Martin Chulov
Martin Chulov
Giornalista, corrispondente del Guardian dal Medio Oriente. Ha vinto il premio Orwell per il giornalismo nel 2015.



Infagottati in sciarpe e cappotti troppo grandi, ammassati sulle sedie a sdraio, i dodici bambini sembrano spaventati quando nove donne sconosciute si precipitano verso di loro con le braccia tese. Alcune di loro singhiozzano mentre abbracciano i bambini disorientati che le fissano con aria assente, non riconoscendo le loro madri, o forse non capendo il motivo di tutto questo trambusto. Una madre rimane ferma con la testa tra le mani, mentre un’altra fissa intensamente gli occhi della sua piccola figlia.

Le nove madri della comunità Yazidi, e i loro bambini, nati dai terroristi che le hanno ridotte in schiavitù, si sono riuniti per la prima volta da quando si è verificata la caduta dello Stato Islamico all’inizio del 2019

E dopo circa due anni di attesa per queste donne sono in procinto di prendere una delle decisioni più sofferte della loro vita. Le incredibili scene al valico della frontiera tra Iraq e Siria giovedì scorso sono state il culmine di mesi di pressioni fatte da funzionari, compresa l’amministrazione Biden, di dibattiti prolungati tra la comunità Yazidi e della determinazione di giovani madri che sono state private dei loro figli, ma che erano pronte a reclamarli a qualsiasi costo.

I bambini rifiutati

Ognuna delle donne aveva dovuto usare una scusa per fuggire dalla propria famiglia. L’ultima volta che la maggior parte di loro si era trovata a Samalka, era stata salvata dal gigantesco campo profughi di al-Hol, nella Siria orientale, dove erano si erano raccolti i resti del cosiddetto califfato dell’Isis, ormai caduto. Alle Yazidi è stato permesso di tornare in Iraq, ma i loro bambini sono stati sequestrati poco prima del confine e portati in un orfanotrofio.

Gli anziani Yazidi si sono poi rifiutati di permettere ai bambini di raggiungere le loro madri, dato che per la comunità sono considerati dei reietti che non possono essere accolti nella società Yazidi

E se le madri dovessero scegliere i loro figli, dovranno rinunciare alla loro comunità. Fino alla settimana scorsa, sembrava improbabile che le donne, tutte di età compresa tra i 19 e i 26 anni, sarebbero state in grado di prendere una tale decisione. Ai bambini era stato vietato l’ingresso in Iraq e solo alcune madri erano potute entrare in Siria con pass giornalieri per visitare l’orfanotrofio. Poi sono arrivate una serie di circostanze, che ha reso l’apparentemente impossibile improvvisamente fattibile.

Nemam Ghafouri

Nemam Ghafouri, una delle organizzatrici delle madri Yazidi e fondatrice dell’ONG “Joint Help for Kurdistan”, ha ricevuto una telefonata dall’ex diplomatico statunitense Peter Galbraith, in contatto con i curdi su entrambi i lati del confine. I curdi siriani sono detti pronti per stipulare un accordo a Erbil dove si è recato per renderlo possibile. Galbraith ha lavorato nella commissione per le relazioni estere del Senato per 14 anni ed è amico di Joe Biden dal 1980. Come lui, il nuovo presidente americano si è interessato alle questioni curde. E fare un accordo su una questione come questa avrebbe potuto aprire la strada a uno più ampio dopo i disastri di Trump. “Ho chiesto a Nechirvan Barzani, il presidente del governo regionale curdo, di parlare con Mazloum Abdi, il comandante delle Forze Democratiche Siriane, e lui ha accettato”, ha detto Galbraith.

Schiave del sesso nell’Isis

Peter Galbraith

Dopo complesse discussioni durate tutto il giorno e durante le quali Galbraith ha chiamato la Casa Bianca per assicurare il trasferimento, i funzionari curdi siriani hanno caricato i 12 bambini – che potevano essere tutti definitivamente consegnati alle nove madri che li aspettavano – in un minibus, e si sono diretti verso il confine Ghafouri, che aveva aspettato con le madri in un hotel, li ha portati al confine e ha atteso. Nelle ore seguenti, i funzionari dell’Iraq curdo hanno chiesto di conoscere la provenienza dei bambini, prima di autorizzare le madri a reclamarli.

Le donne sono state schiavizzate quando erano appena delle adolescenti dalla comunità di Sinjar, che ha dovuto sopportare il peso del genocidio dell’Isis, e sono rimaste con il gruppo durante la sua ascesa e caduta. Alcune delle madri non sanno chi siano i padri dei loro figli

“La gente deve capire perché alcune di queste donne hanno legami così forti con i loro bambini”, ha detto Ghafouri. “Quando sono rimaste incinte, ha significato la fine della vendita e dello stupro da parte di nuovi uomini. Il bambino ha messo fine a una parte della loro sofferenza. Una volta incinta e dopo aver partorito, cessavano le violenze. La madre restava con un uomo finché non veniva ucciso”.

A mezzanotte di giovedì scorso, le madri erano in viaggio verso una casa sicura prestabilita. Ma la notizia delle riunioni è stata accolta con rabbia dai leader della comunità Yazidi. “Non lo accettiamo. Questa dovrebbe essere una decisione della nazione Yazidi”, ha detto il principe Herman, un rappresentante dell’alto capo Yazidi, il principe Hazem. “Le madri sono sempre benvenute a tornare a casa, ma i bambini non sono accettati. Possono dare i loro figli a chi vogliono, ma non possono vivere con noi”.

La comunità Yazida

“Le persone che hanno riportato i bambini senza chiedere agli Yazidi, o ai leader Yazidi, pagheranno il prezzo per ciò che hanno fatto. Non c’è differenza tra queste ONG missionarie e l’Isis, perché stanno si stanno prendendo gioco delle nostre ragazze, in questo modo ce le portano via”. Il leader spirituale Yazidi, lo sceicco Ali Ilyas, altrimenti noto come Bab Sheikh, ha detto che le donne sono ora esiliate. “Né io né la comunità Yazidi accetteremo quei bambini”, ha detto.

“Sono libere di andare dove vogliono, tranne che la nostra comunità. Non sono più un nostro problema e sono libere di prendere le loro decisioni”

Nel rifugio, suoni rauchi di bambini che giocano riecheggiano su due piani. Otto madri si sono trasferite nella casa, e una è tornata dalla sua famiglia in un campo profughi. Quelle che sono rimaste hanno attraversato il Rubicone, e ora stanno cercando un trasferimento in Europa o in Australia. “Non ero sicura di cosa avrei fatto finché non ho rivisto mia figlia”, ha detto una delle madri. “Amo molto mia madre e so cosa significa questo per me. Ma amo anche mia figlia. Voglio un nuovo inizio”. Una seconda madre ha detto di essere stata sopraffatta dal sostegno che ha sentito nell’ultima settimana e ora ha capito che doveva tagliare i legami con la sua società. “Ho una famiglia che vive all’estero, e anche loro non mi accettano. Questa cosa deve cambiare, e noi lo faremo accadere. Quando l’ho detto ai miei genitori, mi hanno detto: non sei più un membro della nostra famiglia”.

“Sono molto felice di essere con lei. All’inizio non mi ha riconosciuto, ma le cose migliorano giorno dopo giorno. Quando sono tornata dopo essere stata separata da lei e ho capito che la comunità non ci accettava, ho deciso di fare della mia vita mia figlia. I bambini sono innocenti, non hanno commesso alcun errore”.

Le Yazidi hanno ottenuto il reinsediamento in Europa e altrove, ma la questione dei bambini nati dall’Isis rimane discussa nei governi

“Non hanno un posto sicuro non solo in Iraq ma in tutto il Medio Oriente”, ha detto Ghafouri. “L’unica cosa che vogliono è essere reinsediati come gruppo in un terzo paese. Questa situazione è stata una ferita infetta per la comunità Yazidi. L’unica guarigione è riunire le madri che vogliono i loro figli e reinsediarli”. “Dobbiamo trovare soluzioni ora. Non incolpo necessariamente le comunità Yazidi o le comunità curde né in Iraq né in Siria, ma incolpo l’ONU e la comunità internazionale. Sono donne che vengono rivittimizzate da quelle persone che dicono di sostenerle, ma non fanno nulla”.

________________________

Questo articolo scritto da Martin Chulov e Nechirvan Mando il 12 Marzo 2021 è stato pubblicato da The Guardian – Traduzione di DonnexDiritti

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen