Quanto dobbiamo tornare indietro?

Firenze, due ragazze americane in piena notte, non trovando un taxi, vengono riaccompagnate a casa da due carabinieri arrivati per sedare una rissa nella discoteca dove si trovavano le giovani. Appena messo piede in casa denunciano uno stupro, da parte dei due uomini in divisa che le avrebbero seguite nell’abitazione dove alloggiavano per aggredirle, una in ascensore, l’altra per le scale. Si aprono le indagini, i due carabinieri contestano e portano davanti al giudice la versione di rapporti sessuali con consenso, un consenso che le due studentesse negano sostenendo di essere state stuprate mentre erano in stato di ebrezza. Durante l’incidente probatorio gli avvocati dei due carabinieri propongono 250 domande alle due ragazze statunitensi, dodici ore di interrogatorio, tanto che una delle due si sente male. Ieri Antonella Mollica ne ha proposto una parte significativa sulla 27esimaora con il titolo «Trova sexy le divise?»: le domande choc in aula alle due ragazze stuprate. Qui uno stralcio che parla da sé, riportandoci in un sol balzo a Processo per stupro, era il 1979 e lei era Fiorella. Non è cambiato molto: le stesse domande, le stesse insinuazioni, la parte offesa che diventa imputata.

Sempre ieri l’Istat ha pubblicato i dati delle molestie in Italia dove risulta che quasi 9 milioni di donne dai 14 ai 65 anni hanno subito una forma di molestia, dati che ci raccontano che se anche rispetto al 1997-98 i numeri sembrano in costante diminuzione, lo zoccolo duro, con numeri stabili, sono le molestie sul lavoro con 1 milione 173mila donne vittime di ricatti sessuali per essere assunte, mantenere il posto o per fare carriera, e di queste l’80,9% non ne ha mai parlato con nessuno. Ma l’Istat dice altro perché nella conta ci sono anche gli uomini: 3 milioni 754mila che hanno subito molestie nel corso della loro vita. Il dato più significativo però è un altro: gli autori delle molestie su questi 12 milioni di persone sono uomini, lo sono per il 97% delle vittime donne e per l’85,4% delle vittime uomini. 

Ieri però è successo anche che un’altra donna, Francesca Citi, è stata uccisa, a Livorno, dall’ex marito, Massimiliano Pagnoni, già denunciato per stalking e allontanato dalla casa. L’uomo l’ha uccisa con un fendente alla gola, per poi suicidarsi tagliandosi le vene. Tutto in un giorno solo. Facciamoci allora due conti e un’attenta riflessione su cosa fare per andare avanti e non tornare più indietro, perché è in gioco la civiltà, o quello che ne rimane.

carabinieri-americane-stupro-firenze-1030x308

Stralcio tratto da La 27esimaora

«Trova sexy le divise?»: le domande choc in aula alle due ragazze stuprate

di Antonella Mollica

(…)

Avvocato Cristina Menichetti (difensore del carabiniere Marco Camuffo): «Prima di arrivare al rapporto sessuale non si era scambiata nessuna effusione con Camuffo, effusioni consensuali e reciproche?». Avvocato: «Durante questo rapporto il carabiniere l’ha mai minacciata, ad esempio urlando o con le mani?». 
Risposta: «Nessuna minaccia esplicita però mi sentivo minacciata dal fatto che lui porta un’arma». 
Avvocato: «Quindi ha usato la forza per sottometterla?». 
Giudice: «Cosa intende per forza avvocato?». 
Avvocato: «Se ha dovuto forzarla, esercitare una certa pressione, se è un gesto violento con una certa vis impressa nel gesto». Domanda non ammessa. 
Avvocato: «Non ha lottato fisicamente? Volevo sapere se Camuffo ha esercitato violenza…». 

(….)
Giudice: «Che brutta domanda avvocato. Sono domande che si possono e si devono evitare nei limiti del possibile, perché c’è un accanimento che non è terapeutico in questo caso… Non bisogna mai andare oltre certi limiti. È l’inutilità a mettere in difficoltà le persone, non si può ledere il diritto delle persone».
Avvocato: «Lei trova affascinanti, sexy gli uomini che indossano una divisa?». Giudice: «Inammissibile, le abitudini personali, gli orientamenti sessuali non possono essere oggetto di deposizione». 
Avvocato: «Lei indossava solo i pantaloni quella sera? Aveva la biancheria intima?». Domanda non ammessa. 
Avvocato Giorgio Carta (difensore del carabiniere Pietro Costa): «In casa avevate bevande alcoliche? Lei ha bevuto dopo che i carabinieri sono andati via?».

(…)
Giudice: «Non l’ammetto, non torno indietro di 50 anni». 
Avvocato: «Alla sua amica hanno sequestrato tutti i vestiti compresi slip e salvaslip, voglio capire se lei ha nascosto qualche indumento alla polizia». Domanda non ammessa.
Giudice: «Si fanno insinuazioni antipatiche, perché si dovrebbe nascondere alla polizia degli indumenti?».
Avvocato: «Penso che qualcuno abbia finto un reato, io non voglio sapere come lei circola, con o meno gli indumenti, voglio sapere se ha dato tutto alla polizia». 
Giudice: «Ricorda il momento in cui le hanno sequestrato gli indumenti?». 
Ragazza: «No». 
Avvocato: «Io non ci credo che non lo ricorda». 
Giudice: «Non possiamo fare la macchina della verità». 
Avvocato della ragazza: «Giudice, vorrei sapere a che punto siamo delle 250 domande annunciate dall’avvocato». 
Giudice: «Se sono come le ultime sono irrilevanti, andiamo avanti. Se stiamo cercando la spettacolarizzazione avete sbagliato canale». 
Avvocato: «La ragazza si è sottoposta a una visita ginecologica sulle malattie virali. Possiamo sapere l’esito di questa visita?». 
Giudice: «Sta scherzando avvocato? Questo attiene alla sfera intima non è ammesso questo genere di domande. Ripeto: non torno indietro di 50 anni, non lo consento a nessuno». 
Avvocato: «Si può sapere se ha una cura in corso?». 
Giudice: «No». 
Avvocato: «È la prima volta che è stata violentata in vita sua?». Domanda non ammessa. 
Avvocato: «Quando era in discoteca ha dato una o due carezze ad un carabiniere?». Domanda non ammessa. 
(…)
Avvocato: «Ha un fidanzato?». 
Giudice: «Cosa ci interessa avvocato?». 
Avvocato: «Voglio sapere se ha un fidanzato, se è un poliziotto ecc…». 
Avvocato: «È stata arrestata dalla polizia negli Stati Uniti? Ha precedenti penali?». 
Giudice: «Domanda non ammessa. Non si può screditare un teste sul piano della reputazione, lo si può fare sul contenuto delle dichiarazioni. Se un teste non è una persona sincera lo dobbiamo rilevare dal contenuto delle dichiarazioni». 
Avvocato: «A che titolo risiede negli Stati Uniti? (la ragazza è di origine peruviana, ndr). Era preoccupata per il suo titolo di permanenza negli Usa?». Domanda non ammessa. 
Avvocato: «Ha mai visitato un negozio di divise a Firenze?». 
Giudice: «Ma che ci interessa! Non è rilevante!». 
Avvocato: «Ha mai fotografato il volantino di questo negozio?». 
Giudice: «Non è rilevante». 
Avvocato: «Ha scambiato il numero di telefono con il carabiniere quella sera? Ha promesso a un militare di rivedervi nei giorni successivi? Prima che le venisse sequestrato il telefono ha cancellato una telefonata?». 
Avvocato: «Lei ha bevuto durante il tragitto dentro la macchina dei carabinieri?». 
Avvocato: «Non le è sembrato strano che i carabinieri accompagnassero a casa le persone?». Domanda non ammessa. 
Avvocato: «Il carabiniere si è accorto che lei era ubriaca?». 
Giudice: «Non va bene avvocato, stiamo chiedendo a una persona ubriaca, affermazione senza offesa visto che l’ha detto lei, se avesse la capacità di rendersi conto del suo interlocutore». 
Avvocato: «Ha mai detto al carabiniere che non avrebbe voluto fare sesso con lui?». Domanda non ammessa e riformulata. 
Ragazza: «Dopo che lui ha tirato giù il top volevo che smettesse». Avvocato: «Il carabiniere ha insistito per avere contatti con lei? Ha insistito silenziosamente, con gesti e parole, perché uno insiste a un no…». 
Giudice: «Ha manifestato questo non gradimento con comportamenti espliciti?». 
Ragazza: «No, non avevo forza nel mio corpo». 
Giudice: «E con questa risposta non accetto più domande così invadenti». 
Avvocato: «Perché dobbiamo privarci di scoprire la verità, la ragazza muore dalla voglia di dire la verità, sentiamola se è salita a piedi…». 
Giudice: «Che ironia fuori luogo, ora sta andando oltre il consentito. C’è una persona che secondo l’accusa ha subito una violazione così sgradevole e lei fa dell’ironia? Io credo che non sia la sede». 
Avvocato: «Avevate alcolici a casa? Ha bevuto alcolici dopo che i carabinieri erano andati via?». 
Avvocato: «Si ricorda di aver cercato su internet il nome di un anticoncezionale quella mattina?»
Avvocato: «Cosa diceva esattamente la sua amica quando urlava? Erano urla di parole o semplicemente urla di dolore?». 
Giudice: «No, fermiamoci qui, il sadismo non è consentito».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...