From Weinstein to swing: when women start to talk


This article was published on October 24 in the Italian online newspaper Corriere della sera and now translated in English on Women for Rights (DonnexDiritti). Source and original title: “Violenza alle stelle: da Weinstein allo swing. Quando le donne cominciano a parlare” – La 27esima ora – Corriere della


On October 10 the New Yorker published Ronan Farrow’s investigative report in which more than 30 women tell their stories of sexual assault and harassment by Harvey Weinstein, the powerful Hollywood producer. They are employees, costume designers, models, and great actresses who at the time of the allegations were at the beginning of their careers. Young women who, invited to his hotel room to discuss their work, became trapped in a tight space with a physically large and socially powerful man who could ruin their careers forever if they denied him. They are Rosanna Arquette, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Judith Godrèche, Heather Graham, Mira Sorvino, Kate Beckinsale, Eva Green and many others like Lysette Anthony, who denounced Weinstein for following her home and raping her, or Rose McGowan, to whom the producer proposed a $100,000 hush-money deal. Among them are two Italian women: Asia Argento and an actress who wanted to remain anonymous who has said she was raped in a bathroom of a Beverly Hills hotel in 2013. With the criminal investigation underway in New York, London and Los Angeles, Weinstein has been expelled from the Academy, French President Macron has revoked his Legion of Honor award, and his friends have given mea culpas for knowing about his behavior but never speaking out. Producer Scott Rosenberg and director Quentin Tarantino have declared that while they were aware, they kept quiet as though it was something normal.

This violence could happen anywhere, as Weinstein’s chauffer Mickael Chemloul told the “Sun” about assaults in the back seat of the car: Weinstein was “a man who was known as ‘the pig’ on the Côte d’Azur.” It’s a tornado that with the campaigns of #metoo, #quellavolteche and #balancetonporc — which invite people to tell their harassment and assault stories on social media – has brought to the forefront all that women have kept silent for so long in fear of being disbelieved, of being judged, of losing their jobs, of not being supported by their communities. It’s a wave that in these last few weeks has swept across the United States where the director of Amazon Studios, Roy Price, was forced to resign after sexual harassment claims against him; Robert Scoble, technology expert, asked forgiveness on social media for his treatment of women; Fox News host Bill O’Reilly signed a sexual harassment settlement for $32 million; director James Toback was accused by 38 women; and on Wall Street Fidelity Investments fired two employees for harassment. And even if in Italy after the absurd victim-blaming campaign of Asia Argento, “guilty” for having immediately denounced the rape at age 21, the wave is weaker and there are still few actresses who have denounced using first and last names, the dams have now broken and nothing will be like it was before if all these woman begin to tell what really happens in their lives.

And no newspaper has spoken about it but a crack has also formed in the magic world of swing, the dance of our great-grandparents that twisted through their smoky jazz halls and that is now reconquering the world with the help of thousands of young people. A magical harmony interrupted this year — on January 17th — when Ruth Evelyn, a blues dance teacher from Boston, posted on her Facebook profile a shocking description of a 2014 night at Lindy Focus, a dance festival in North Carolina. “A man in a suit made eye contact,” Ruth says in the post. “It was Max Pitruzzella. He wandered towards me. I had admired his dancing, but it was hard to hear in the room, the bar it was crowded, so it didn’t seem that weird that he suggested we go to his room. He put on a song. We danced to it.” She continues: “He started kissing me, and I kissed back. He took off my shirt, and I hesitated, not sure that I wanted to be going this quickly with someone I really didn’t know. Then I noticed his wedding band. I said something along the lines of ‘Woah, you’re married.’ He said, ‘Yes, but for us it is fine.’ I said that I’m not sure that it is fine for me. He continued, when I heard someone at the door. I didn’t want someone else to see me with my shirt off so I ducked into the bathroom. A minute later Max came into the bathroom. I said that I needed to go. When I tried to leave the bathroom he held the door closed, and wouldn’t let me out, keeping the door closed as I tried to leave. He said that I couldn’t just leave. I started feeling panicked. He finally opened the door, and pulled me into the room after him. He pulled his pants down, and pushed my head down. In that moment I was afraid. I wanted fight back or run, but he is stronger than me. In that quick, terrified moment though, I thought that maybe he would let me go with nothing worse happening if I just gave in and gave him a blow job without fighting back — so I gave in and did it.”

“I have not brought this up before now because I am afraid that people won’t believe me, that even the people who do believe me will not hire me, because they ‘don’t want drama.’ I did not report to authorities.” But after receiving a private message threatening to sue her for defamation, and hearing about other assaulted girls, Ruth decided to speak up, opening a door for other women. As a matter of fact, two days later, other stories of alleged sexual assaults appeared on the Facebook profiles of other dancers, all involving the French teacher considered one of the most important swing dancers in the world.

The first was on the FB page of Laney Barhaugh, where Jane Doe (a fake name) told her story of December 30, 2014. “I was 20 years old,” she writes. “It was my second Lindy Focus, and I was still new to the dance community. I met Max in the hotel bar. He approached me, and brought me a glass of wine. We spoke for a while, I asked for help understanding a dance step. He invited me up to his room, because the bar was crowded. He was a teacher. I trusted him, was a student in his class, and admired his dancing. Once we got to his room, he made me another drink, and we went over the footwork. I started to feel woozy, far drunker than I should have felt. He kissed me, and started to undo my dress. I remember hesitating, and saying that I didn’t feel well and should go but he held me by the arm. I don’t remember how he got me into his bed. I remember being incoherent and at this point, I was incapable of giving consent. He assaulted me without using a condom.”

The same day, Jo Hoffberg, an influential international swing dancer, made her FB wall available for anonymous stories and immediately posted Susan Doe’s story (another fake name), who met Pitruzzella at a festival in 2014. They drank together and spoke about dancing, and she was invited to try some blues dance steps. “We walked into his room, his roommate was in bed asleep,” Susan recounted. “So Max said, ‘Let’s dance in the bathroom.’ Why I didn’t say no to that, I don’t know. I remember that it seemed a bit strange, but honestly I trusted him. Once we were in the bathroom, he put on some music. We danced and we started kissing. It was nice — he made me feel he was interested in me. And then everything changed. Suddenly he pushed me against the sink, opened his pants, and pushed me down. I was so afraid even though I myself am pretty tall, he’s still taller and stronger… and he overpowered me. I was too drunk to get my strength together and fight back so I gave in. After he came, he almost literally pushed me out and closed the door behind him. I was standing in the hallway, with cum on my face, not understanding what just had happened. I felt so dirty and disgusting – she says – I remember standing under the shower, crying until my friend got me out.”

Ashley Hill then spoke on FB about the Swing Jammerz Festival in Montpellier, France in 2015: “The Saturday night June 20th, I enjoyed the dance and evening so much that I felt disappointed when the dance had ended, and when Max Pitruzzella invited me to an after party I jumped at the opportunity. I had had a consensual experience with Max back in 2013 where he had kissed my neck — and so, after 2-3 minutes I was very tipsy and responding to Max starting to kiss me in the kitchen and not really realizing what was going on. He pulled me into a bedroom, His clothes came off and pushed me onto the bed, and started touching me. I pulled his hand out before he could put them inside me. I am so thankful I managed to keep my pants on. His pants were off and he pushed my head down to him telling me to kiss his penis. I kept refusing and telling him I was hoping to see the man I loved the next day and I couldn’t do this. I kept trying to pull away but was growing increasingly frightened, I could tell he was starting to get annoyed because I then heard the most degrading words I’ve ever heard as a woman and human being in my entire life. He then took my hair and pushed my head down onto him. I said no countless times but I didn’t want him to rape me, so I did as little as I could for him to be satisfied so I could get out. I have never washed my mouth for so long in my life,” Ashley says. “I brushed my teeth for 20 minutes while I cried. The trauma was like a bomb that went off in my life and I am still picking up the pieces.”

But this is not over, because rumors are starting to circulate and it seems that the stories about raped or molested girls in the magic world of swing dance abound, and that the French teacher is not the only one involved. It’s about teachers of any age that — with the excuse of dancing — use their young students’ trust and their position in a way that could quickly transform in a sexual proposal. When the girls are not consenting, they don’t report, and most importantly they don’t speak with anybody, because they are afraid of not being believed or of being shamed or left out of the community. It’s a dynamic — according to the longtime dancers — occurring everywhere, but only a few teachers are trying to deal with the problem, with the help of musicians, singers, and only a few lindyhoppers.

The biggest case shaking the swing community is the one about Steven Mitchell (born in 1954). Eight women accused the American master — a real legend of swing — of harassment and sexual violence. The first is Sarah Sullivan. After eleven years she wrote on her blog ssullivan410 about meeting Steven Mitchell in San Diego when she was sixteen, and how she was flattered by the interest of a famous teacher. Sarah writes that he taught her to drink in secret, and that during a festival he got her drunk and brought her to an isolated place. “It’s pretty humiliating to think about. I remember making out with him (…) I was drunk and I was scared (…). At one point, Steven was on top of me and I felt like the situation was quickly escalating (….) I started flailing and pushing him until he got off of me. (…)The part of this memory that is most upsetting is what happened after. As we were walking back to the dorms, he grabbed my crotch. He held on to it and told me that he didn’t know what had happened to me that “fucked me up” so badly (…) and that I had started it. As a young person (…) engaging with an authority figure, I got the message that I was “fucked up” (…) That something was wrong with me (…) I internalized that message for years.”

Mitchell responds to this public statement without denying what happened, asking forgiveness and asserting not to be a sexual predator. He claims he had real feelings for the girl at the time. Reading about it, another dancer named Allison Cordner asked Steven to elaborate and wrote “Sarah’s story is my story”. Later on, Allison explains in a long video how she survived being raped by the American master in 2000, when she was eighteen. She is able to speak about her trauma only after fifteen years. Allison reads with a broken voice the letter she wrote on a piece of paper towel to her boyfriend Fred. She reads that she left Canada with her friend to go to a festival in order to meet their hero, Steven Mitchell. Once they got there, after a wonderful day, the teacher offered her a private lesson and then he raped her in the woods. It is a horrible story, in which Allison describes her feelings when she realizes she is bleeding, and she decides to go for a medical check because she is afraid of being infected by a violent and non-protected sexual assault.

This horror show goes on and also Heidi Salerno leaves a comment on Sullvan’s blog. She writes that in 2013 he gets her drunk, then assaulted her. Fearing rape, she manages to escape and go to a toilet, where she vomits for hours. Then there came Clara Goodwin and Ramona Staffeld — a very well-appreciated dancer in the international scene — telling about the violence Steven Mitchell put them through. Ramona was interviewed by Ryan Shift on “The Track” podcast and it was shocking for the whole community. She told of being persuaded by her teacher to start a secret relationship when she was fourteen. He made her swear that was their secret. “I was tiny. I was a girl, and the attention of a teacher was gratifying for me. I lost my virginity,” she says. “It was like shock. It wasn’t violent so much because I was so terrified, I couldn’t fight back. I really thought I’d take this to my grave (…). I’m so grateful that Sarah paved the way (…) That the impossible becomes possible somehow, and now I am not afraid of talking about it.” After this scandal, Steven Mitchell disappeared into thin air. In spite of the community banning him, he is still celebrated as one of the stars of swing, to the point that immediately after all the testimonies, his portrait appeared in the cafeteria of the Studio Summer Hop in 2015. The drawing of Steven Mitchell — accused by eight women has hearts and signatures of Lindy hoppers. Meanwhile, a photo of several smiling French teachers with the background of his portrait was published on the internet.

Why, in spite of a wide expression of solidarity towards the brave women who told their stories, does this secondary victimization attitude towards them partly persist?

In regards to the allegations, some international teachers started to discuss the need for creating safe spaces and codes of conduct inside the swing dance community. These codes are now adopted in the USA, Canada, UK, Korea, Denmark, Australia, France, Austria, Israel, Germany, and Sweden. But in Italy, for months, people were questioning on social media the testimonies’ truthfulness, ending all the discussions with indifference, like the issue wasn’t a concern for our country at all. In Salsomaggiore on September 22, after disappearing for almost a year, Max Pitruzzella reappeared right here, in a public event. He was even photographed near Norma Miller — another legend of the swing community — who recently toured Italy with her “The Queen of Swing Tour.” This episode fueled reactions all across the world, like singer Megan Lange’s of “Megan and Her Goody Goodies,” who publicly wrote: “If Max Pitruzzella or Steven Mitchell ever shows up at a venue where I am playing, I will stop.” And one from Jonathan Stout, one of the most important musicians in the swing dance scene, who said: “We will not attend or perform at any event where Max Pitruzzella or Steven Mitchell is present or involved.” But in Italy, the episode is alarming only a local teacher, Lucia Mazzanti, who tried both to signal the facts on social media and draft a sort of code of conduct that was overlooked by the Italian scene. She was also advised not to attend the event with Norma Miller in Rome, in October, because she’s unwelcome.

To this day, we discuss consent, women’s good faith, those “guilty” of exposing themselves with provoking clothes or behaviors, of speaking up only after years, of not denouncing, but never enough about the guilt of the men who acted with total impunity. This attitude victimizes survivors a second time. That is an additional violence, the fundamental reason of women’s silence, where their words are always less valuable than a man’s. Asia Argento was forced in Italy to explain the details Weinstein’s violence, almost as she needed to justify herself for what she endured. She has been in these past few days the symbol of the secondary victimization, forbidden by law (Istanbul Convention ratified by Italy in 2013) but in fact still occurring through media, in the courts of law, at the police stations, on social media, everywhere.

Our is an unprepared society, soaked in stereotypes where if a woman is not beaten to death, or if she denounces sexual assault from a partner, an ex or a man she humored the advances, she was not a real victim and was probably consenting. Ours is a society that, if she tries to denounce later, or seeks community support, will be at risk of not being believed, being shamed, or having fingers pointed at her and virtually stoned. Maybe it would be better to stop asking why women who were subjected to violence from a man do not denounce, and why in Italy more than 90% is unreported: the answer is now finally clear.


Italian version


Il 10 ottobre 2017 il New Yorker pubblica l’inchiesta di Ronan Farrow dove più di trenta donne raccontano di violenze e molestie da parte di Harvey Weinstein, il potente produttore hollywoodiano. Sono impiegate, costumiste, modelle e grandi attrici che all’epoca dei fatti erano all’inizio della carriera: giovani che, invitate nella stanza d’albergo per discutere di lavoro, rimanevano intrappolate in uno spazio chiuso con un uomo fisicamente grande e socialmente potente che davanti a un diniego poteva troncare per sempre la loro carriera. Sono Rosanna Arquette, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Judith Godrèche, Heather Graham, Mira Sorvino, Kate Beckinsale, Eva Green e molte altre come Lysette Anthony, che denunciò Weinstein per averla seguita a casa e stuprata, o Rose Mcgowan, alla quale il produttore propose un accordo di 100 mila dollari per “evitare un contenzioso”. Tra loro due italiane: Asia Argento e un’attrice che ha voluto mantenere l’anonimato e ha raccontato di essere stata stuprata nel bagno di un hotel a Beverly Hills nel 2013. Con un’inchiesta penale in corso a New York, Londra e Los Angeles, Weinstein è stato espulso dall’Academy, il presidente francese Macron gli ha tolto la Legion d’Onore, e i suoi amici hanno fatto mea culpa perché sapevano e non hanno mai parlato: il produttore Scott Rosenberg e il regista Quentin Tarantino hanno dichiarato che pur essendo a conoscenza dello schema “Weinstein”, tacevano come fosse una cosa normale.

Violenze che potevano avvenire ovunque, come racconta il suo autista al “Sun” parlando di aggressioni sul sedile posteriore della macchina: «un uomo che – dice Mickael Chemloul – in Costa Azzurra era noto come le porc». Un tornado che con le campagne #metoo, #quellavoltache e #balancetonporc – con cui s’invita a raccontare sui social le molestie – ha portato in superficie tutto quello che le donne hanno per troppo tempo taciuto per paura di non essere credute, di essere giudicate, di perdere il lavoro, di non essere sostenute dalla comunità. Un’onda che in queste settimane sta travolgendo gli Stati Uniti dove il direttore degli Amazon Studios, Roy Price, è stato costretto a dimettersi per molestie sessuali; Robert Scoble, esperto di tecnologia, ha chiesto scusa sui social alle donne abusate; il conduttore di Fox News, Bill O’Reilly, ha firmato un accordo per 32 milioni di dollari pur di non essere denunciato; il regista James Toback è stato accusato da 38 donne; e a Wall Street la Fidelity Investments ha licenziato due impiegati per molestie. E anche se in Italia dopo l’assurda campagna di victim blaming nei confronti di Asia Argento, “rea” di aver denunciato la violenza subita da Weinstein a 21 anni, l’onda è meno forte e sono ancora poche le attrici che hanno denunciato facendo nome e cognome, gli argini ormai sono caduti e nulla sarà più come prima se tutte le donne cominceranno a dire cosa succede veramente nelle loro vite. Nessun giornale ne ha parlato ma una crepa si è formata anche nel magico mondo dello swing, il ballo dei nostri bisnonni che si contorcevano nelle fumose sale dei concerti jazz e che in pochi anni sta riconquistando il mondo coinvolgendo migliaia di giovani e giovanissime.

Una magica armonia che viene rotta il 17 gennaio di quest’anno quando Ruth Evelyn, un’insegnante blues di Boston, pubblica sul suo profilo Facebook uno sconvolgente resoconto di una notte del 2014 al Lindy Focus, un Festival che si svolge in Nord Carolina. «Incrociai lo sguardo di un uomo vestito elegante – racconta Ruth – era Max Pitruzzella che si era incamminato verso di me. Lo ammiravo come ballerino ma era difficile parlare nella confusione e il bar era talmente pieno che non mi sembrò strano salire in camera da lui. Dopo aver ballato un po’ – continua – lui iniziò a baciarmi e io ho ricambiato ma quando mi ha tolto la camicia non ero sicura di voler andare così veloce con qualcuno che in realtà non conoscevo. Poi, notando la sua fede nunziale, ho esclamato: Wow, sei sposato? e lui: sì ma a noi sta bene così. Gli rispondo che non sta bene a me ma lui continua e quando sento qualcuno alla porta scappo in bagno perché non voglio farmi vedere. Subito dopo Max entra ma gli dico che devo andare, e appena provo a uscire lui chiude la porta dicendo che non posso andarmene così. Comincio a entrare nel panico finché non apre la porta, mi spinge nella stanza, si abbassa i pantaloni e mi butta la testa in basso. Ho avuto paura, volevo scappare ma lui era più forte, e in quel rapido e terrificante attimo ho pensato che forse mi avrebbe lasciata andare, senza che succedesse qualcosa di peggio, se mi fossi arresa almeno a un rapporto orale». «Non ho mai parlato prima d’ora – prosegue Ruth – perché avevo paura di non essere creduta, di non essere più chiamata a lavorare per non creare scandali e quindi non ho sporto denuncia», ma dopo aver ricevuto un messaggio che la minacciava di querela e dopo aver saputo che ci sono altre donne assalite, Ruth decide di parlare aprendo così un varco alle altre.

Due giorni dopo infatti appaiono altre storie di presunta violenza sessuale pubblicate anonime sui profili di altri ballerini contro il maestro francese considerato uno dei più grandi ballerini di swing nel mondo. La prima è sul profilo FB di Laney Barhaugh dove Jane Doe (nome fittizio) racconta del suo 30 dicembre 2014. «Avevo vent’anni – scrive – ed ero nuova nello swing. Ero al bar dell’hotel dove si svolgeva il festival e ho incontrato Max che si è avvicinato portandomi un bicchiere di vino. Qui abbiamo parlato e gli ho chiesto aiuto per capire un passo di ballo, e così mi ha invitato nella sua stanza perché il bar era pieno. Lui era un insegnate e mi fidavo, avevo già fatto lezione con lui e lo ammiravo. Una volta arrivati, ha preparato un drink e abbiamo cominciato a vedere il passo, e anche se mi sentivo strana, molto più ubriaca rispetto a quello che avevo bevuto, lui mi ha baciata e ha iniziato a spogliarmi, e ricordo di aver esitato e di aver detto che non mi sentivo bene e che dovevo andare via ma lui mi ha trattenuta. Non ricordo come mi abbia messa a letto, mi ricordo solo che ero confusa e a quel punto non ero più in grado di dare un consenso a quello che mi faceva mentre mi assaliva senza preservativo». Nello stesso giorno Jo Hoffberg, ballerina influente nello swing internazionale, offre la sua bacheca FB per le storie anonime e subito appare il racconto di Susan Doe (altro nome fittizio) che nel 2014, durante un festival, incontra Pitruzzella con cui beve e parla di ballo, tanto da essere stata invitata a provare passi di blues.

«Siamo entrati nella stanza dove però dormiva un suo amico – dice Susan – e per questo mi ha detto di provare i passi nel bagno. Non so perché non gli ho detto di no, mi sembrava un po’ strano ma onestamente mi sono fidata. Una volta nel bagno abbiamo ascoltato musica, abbiamo ballato e ci siamo baciati. Era una cosa bella e pensavo che fosse interessato a me. Ma poi tutto è cambiato e all’improvviso mi ha buttata contro il lavandino, si è aperto i pantaloni e mi ha spinto giù. Ero impaurita e anche se sono abbastanza alta, lui era più forte e mi ha sopraffatta. Ero troppo ubriaca per raccogliere le forze e contrastarlo, perciò mi sono arresa. Poi, dopo essere venuto, mi ha letteralmente cacciata e ha chiuso la porta dietro di lui, e sono rimasta nel corridoio con lo sperma in faccia in uno stato confusionale. Mi sono sentita così sporca – spiega – che sono rimasta sotto la doccia a piangere finché un’amica mi ha tirata fuori impaurita».

Ashley Hill invece su Fb parla dello Swing Jammerz Festival a Montpellier, in Francia, nel 2015: «La sera del 20 giugno mi ero così divertita da essere dispiaciuta che il party fosse finito, e quando Max Pitruzzella m’invitò a un after party, andai. Max lo avevo conosciuto nel 2013 e lì mi aveva baciata sul collo col mio consenso, così dopo 2 o 3 minuti mi sono ritrovata brilla in cucina con lui che mi baciava. Poi, senza rendermi bene conto di cosa succedeva, mi ha spinto in una camera e si è spogliato buttandomi sul letto e ha iniziato a toccarmi. Gli ho spinto via le mani prima che potesse metterle dentro di me e grazie al cielo sono riuscita a tenermi i pantaloni. Lui era senza pantaloni e mi ha spinto la testa dicendo di baciargli il pene. Io ho continuato a rifiutarmi dicendo che avrei visto l’uomo che amavo il giorno dopo e non potevo farlo in nessun modo. Continuavo a spingerlo via ma ero spaventata e ho capito che cominciava a innervosirsi quando ha cominciato a dire le parole più degradanti che abbia mai ascoltato. Alla fine mi ha preso per i capelli e mi ha spinto la testa su di lui. Ho detto infinite volte di no ma avevo paura che mi stuprasse e alla fine ho fatto il minimo per finire al più presto e scappare. Non ho mai lavato la bocca per così tanto tempo – conclude Ashley – e mi sono lavata i denti per 20 minuti mentre piangevo. Il trauma è stato come una bomba esplosa nella mia vita e sono ancora qui a raccogliere i pezzi».

Ma non è finita, perché le voci cominciano a girare e sembra che le storie di ragazze stuprate o molestate nel magico mondo dello swing siano molte di più e che il maestro francese non sia l’unico ad essere coinvolto. Si parla d’insegnanti di ogni età che con la scusa di far ballare giovanissime allieve usano la fiducia e la loro posizione per avere un approccio ravvicinato che rapidamente si trasforma in proposta sessuale, ragazze che quando non sono consenzienti non denunciano ma soprattutto non parlano con nessuno per il timore di non essere credute e di essere additate o escluse dalla comunità: una dinamica che, a detta di chi balla da anni, succede ovunque anche se soltanto alcuni insegnanti cercano di affrontare il problema con il sostegno di musicisti e cantanti e solo una parte dei lindyhoppers.

Il caso che ha scosso di più la comunità swing, senza che la notizia sia uscita dalle invisibili mura del ballo più divertente del mondo, è stato quello di Steven Mitchell (classe 1954), con le testimonianze di 8 donne che nel 2015 hanno accusato il maestro americano, considerato una vera leggenda dello swing, di molestie e violenza sessuale. La prima è Sarah Sullivan che dopo 11 anni racconta sul suo blog ssullivan410 di aver conosciuto Mitchell a 16 anni a San Diego e di come fosse lusingata dell’attenzione di quel maestro famoso. Sarah racconta che lui le insegnò a bere di nascosto e che durante un festival fu fatta ubriacare e portata in un posto isolato. «È piuttosto umiliante ma ricordo di averlo baciato – scrive – perché ero ubriaca e spaventata, e quando lui mi salì sopra, sentii che la situazione stava precipitando e nel panico l’ho spinto via finché non si è tolto. La cosa più sconvolgente però è stato quello che è successo dopo quando stavamo tornando al festival e lui mi ha afferrato all’inguine dicendo che c’era qualcosa di sbagliato in me perché ero stata io a provocarlo. Così giovane e senza esperienza sessuale, di fronte a un uomo così tanto più grande di me, pensai che davvero ero sbagliata. Un messaggio che ho interiorizzato in maniera distruttiva».

Un racconto pubblico al quale Mitchell risponde non negando i fatti ma chiedendo perdono e dichiarando di non essere “un predatore sessuale” e di aver nutrito sentimenti veri per la ragazzina: affermazioni che vengono notate da un’altra ballerina, Allison Cordner, che chiede a Steven di spiegarsi meglio «perché quello che racconta Sarah è successo anche a me». Allison infatti spiegherà più tardi in un lungo video di essere sopravvissuta allo stupro del maestro americano nel 2000 quando aveva 18 anni: un trauma di cui riesce a parlare solo dopo 15 anni. La donna legge con la voce rotta la lettera che all’epoca scrisse al suo fidanzatino Fred su un lungo pezzo di scottex dicendo di essere partita dal Canada con il giovane per andare al festival dove si esibiva il loro mito, Steven Mitchell, e che una volta arrivati li, dopo una giornata meravigliosa, lui le offrì una lezione privata per poi stuprarla nel bosco. Un racconto raccapricciante in cui Allison descrive il suo stato d’animo quando si vede sanguinare e fa l’esame medico per paura di essere stata infettata in un rapporto violento non protetto.

La galleria dell’orrore prosegue e anche Heidi Salerno lascia un commento sul blog di Sullivan dicendo di essere stata fatta ubriacare nel 2013 e poi palpeggiata e di essere riuscita a scappare nel bagno con la paura di essere stuprata, continuando a vomitare dopo ore. A lei si aggiungono poi Clara Goodwin e Ramona Staffeld – ballerina molto apprezzata sulla scena internazionale – che raccontano della violenza subita da Steven Mitchell. Ma è soprattutto Ramona a scioccare l’intera comunità dato che nella sua intervista fatta nel 2015 da Ryan Swift su “The track”, racconta di essere stata convinta dal suo maestro a intraprendere una relazione segreta a 14 anni, e di essere stata ripetutamente stuprata dai 15 anni in poi dopo essere stata manipolata al punto da farle giurare che quello era il loro segreto. «Ero così piccola, ero una bambina e l’attenzione di un maestro era per me gratificante. Ho perso la verginità così ed è stato uno shock – dice Ramona – perché non potevo difendermi ed ero così terrorizzata che lui non ha dovuto usare forza fisica per stuprarmi. Nel corso della mia vita ho pensato che mi sarei portata questo fardello nella tomba, e invece Sarah Sullivan ha aperto la strada e ora non ho più paura di parlare perché l’impossibile è diventato possibile».

Dopo questo scandalo Steven Mitchell scompare nel nulla eppure, malgrado la comunità lo abbia bandito, verrà ancora celebrato come uno degli astri dello swing tanto che subito dopo le testimonianze, in Francia, e precisamente al bar dello Studio Hop Summer Camp del 2015 , appare un poster con il primo piano disegnato del vecchio maestro – accusato da 8 donne – con firme e cuoricini di lindyhoppers mentre su internet viene pubblicata la foto di alcuni maestri francesi che sorridenti posano con la sua immagine sullo sfondo. Ma perché, malgrado la grande solidarietà espressa nei confronti delle donne che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie, in parte permane un profondo atteggiamento rivittimizzante verso di loro?

In relazione a questi fatti alcuni insegnanti internazionali hanno cominciato a discutere sulla necessità di creare spazi sicuri e codici di comportamento all’interno della comunità swing, che a oggi sono stati adottati negli Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Corea, Danimarca, Australia, Francia, Austria, Israele, Germania, Svezia mentre in Italia si è continuato per mesi a disquisire sui social sulla veridicità delle testimonianze riportate, per poi chiudere la partita nel disinteresse come se il problema non riguardasse il nostro Paese.

Così è successo che il 22 settembre a Salsomaggiore, dopo essere scomparso per quasi un anno, Max Pitruzzella è riapparso proprio qui in un evento pubblico, tanto da essere fotografato accanto a Norma Miller – altra leggenda dello swing – che quest’anno ha girato l’Italia con il suo “The Queen of Swing Tour”. Circostanza che ha provocato reazioni sconcertate in tutto il mondo tra cui quella di Megan Lange – cantante del gruppo “Megan and Her Goody Goodies” – che scrive pubblicamente che «Se Max Pitruzzella o Steven Mitchell si dovessero mai presentare in un locale dove sto suonando, io mi fermo» ; e quella di Jonathan Stout – uno dei più importanti musicisti della scena swing, – che precisa: «Non parteciperemo o suoneremo ad alcun evento in cui siano presenti o coinvolti Max Pitruzzella o Steven Mitchell» .

In Italia invece la cosa mette in allarme solo un’insegnante, Lucia Mazzanti, che oltre a segnalare il fatto sui social prova a scrivere una bozza di codice di comportamento che viene puntualmente ignorata dalla scena italiana, mentre lei viene addirittura invitata a non partecipare alla serata con Norma Miller che si è svolta a Roma a ottobre, in quanto ospite non gradita.

Ancora oggi ci s’interroga troppo spesso sul consenso e sulla buona fede delle donne “colpevoli” di essersi esposte con atteggiamenti o abiti provocanti, di aver parlato dopo anni, di non aver denunciato, e mai abbastanza su quella degli uomini che hanno agito nella più completa impunità: atteggiamento che provoca nelle sopravvissute una seconda vittimizzazione, cioè una violenza ulteriore, che è la ragione fondamentale del silenzio delle donne la cui parola vale ancora e sempre meno di quella di un uomo. Asia Argento, che in Italia è stata costretta a spiegare in modo accurato la violenza di Weinstein quasi a doversi giustificare di quello che aveva subito, è stata in questi giorni l’emblema della vittimizzazione secondaria che per legge è vietata (Convenzione di Istanbul ratificata dall’Italia nel 2013 ) ma che nei fatti avviene ancora attraverso i media, nei tribunali, nelle caserme, sui social, ovunque.

Una società impreparata e imbevuta di stereotipi per cui se una donna non è massacrata di botte o denuncia una violenza sessuale da un partner, un ex o da un uomo di cui ha assecondato le avances, in realtà non ha subito violenza ed era probabilmente consenziente, donna che se prova poi a denunciare e a cercare sostegno dalla comunità, correrà anche il rischio di non essere creduta, di essere sbeffeggiata o di essere pubblicamente indicata e lapidata virtualmente. Forse sarebbe meglio non chiedere più perché le donne che hanno subito una violenza maschile non denunciano e perché in Italia oltre il 90% è sommerso: la risposta è ormai finalmente chiara.



Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:


Stai commentando usando il tuo account Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...