Ancora troppa violenza contro le donne (2011)

cliccare sulla immagine
cliccare sulla immagine

Azione – 21 novembre 2011 –

Luisa Betti

Intervista a Margarita Guillé Tamayo Coordinatrice del Comitato del GNWS (Global Network of Women’s Shelters), la rete mondiale dei centri antiviolenza e dei rifugi per donne che vogliono uscire dalla violenza.  

Sfogliando il volume del Rapporto di Amnesty International 2011, c’è un primato che spetta alle donne: per la quasi totalità dei paesi citati si fa riferimento a diritti negati, lesione dei diritti sessuali, discriminazioni, maltrattamenti, violenza fisica e sessuale. Un primato che permane malgrado dal ’99 si celebri il 25 novembre come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: una data con cui le Nazioni Unite, con la risoluzione 54/134, invita ogni anno i governi, le organizzazioni internazionali, le Ong a concentrare la loro attività per combattere la violenza di genere. Ma a che punto siamo? I centri antiviolenza provenienti da tutto mondo hanno illustrato dati poco rassicuranti alla XIII Conferenza Internazionale contro la violenza di genere che si è svolta a Roma lo scorso ottobre, dimostrando ancora gravi deficit, sia culturali che legislativi, che in materia di accoglienza per le donne che subiscono violenza esprime una realtà molto al di sotto degli standard in quanto, nella civilissima Europa, mancano ancora all’appello quasi 30.000 posti letto per essere in regola con le direttive del Consiglio d’Europa.

Ultimamente UNWomen – dice Margarita Guillé Tamayo Coordinatrice del Comitato del GNWS – ha pubblicato un report sulla violenza a livello globale dove si stima che una donna su tre vive una forma di violenza di genere nel mondo: un dato che dimostra come la violenza contro le donne sia molto più grave di quello che si pensa, e soprattutto nei paesi dove non c’è uno Stato di Diritto consolidato e dove la qualità della democrazia è vulnerabile”.

Margarita Guillé, giornalista e psicologa messicana, ha scelto di mettere la sua vita al servizio delle donne quando, mentre conduceva il suo programma radiofonico, una donna disperata che aveva perso il suo bambino per i calci e le percosse del marito, fece la telecronaca in diretta dell’assalto dell’uomo mentre sfondava la porta di casa per aggradirla nuovamente. In seguito è stata lei a far nascere il Global Network of Women’s Shelters che riunisce tutti i Centri antiviolenza dei 5 continenti e comprende la Rete Wave (Women against Violence Europe) che coordina 4.000 centri in 47 paesi, e anche l’Italia, con l’Associazione Nazionale D.i.Re, presieduta da Titti Carrano, che ha al suo attivo 58 centri su tutto il territorio.

Nel 2008 eroinCanada – continua Guillé – perilGlobalmeetingdeiCentri antiviolenza.All’epocadirigevoilNationalNetworkofWomen’sShelterdelMessicoevedendotanteleader intorno a me, pensaicheavremmodovutocostruireilNetworkmondiale per avere uno scambio costante con tutte le realtà che si occupavano della violenza sulle donne.Il giorno dopo,leleader delle Rete di 17 paesi s’incontrarono all’HotelMarriott, e da quella riunione partì la Rete Globale. Il primomeeting l’abbiamo organizzato l’annodopoaOttawa, poi, nel 2010,aNewYork.

Margarita Guillé, cosa fa di preciso il GNWS?

Porta avanti l’idea diunmondodoveledonneeibambinivivanoliberidallaviolenzaeilsuoscopoèdiunirei Centri antiviolenzaa livello internazionale, condividendostrategieeapprocci,difendendoleleaderarischioneipropripaesi, costruendo lobbyingnegliorganismiinternazionali,inchiesteeraccoltadatinelmondo.

Avete un quadro a livello internazionale?

Prima di tutto precisereiilconcettodiviolenza che ormai stacambiando ed è molto più esteso di prima. Non si parla più solo di violenza sessuale contro le donne, ma diunfenomenochetoccatuttenoiindiversimodi e indiversefasidellavita, dalla violenza psicologica a quella economica, echepuòessereoperadidiversi“agenti” come la famiglia, ma anche l’autorità, le istituzioni, la scuola, il lavoro.E alla base diogniviolenzadigenerec’è comunqueladiscriminazione, che può essere annientata solo conunarealeuguaglianzatradonneeuomini sia nellasferaprivatacheinquellapubblica, con unbilanciamentodipotereinpoliticaeaiverticidelleaziende.

A fronte di questi auspici, c’è un aumento globale degli omicidi contro le donne.

Oggic’èunamaggioreconsapevolezza e attenzione sul fenomeno,percuila morteviolentadi unadonna, o la sua scomparsa, viene osservata percapiresevadaclassificatacomeundelitto di genere.Nel corso degli anni molti paesi, non tutti, hannosviluppatoleggicheconsideranoilfemminicidiouncrimineestiamo cercando di renderegli Statiresponsabilidiquestasituazione per combattere il fenomeno.Quello però chemostrailnumerocrescentedifemminicidi,ècheledonnesonoancoraarischioecheigovernidelmondodevonocreareefficaciprocedurepolitichepersalvarelavitadelledonne.Ma, come dicevo prima, se anche igoverni“democratici”restanoconun’ideapatriarcaledelpotere, è normale che le misureperproteggereledonne nonverrannomaimessein atto.

Anche la tratta di donne e minori costrette alla prostituzione con stupri e violenze inaudite, sono una dimostrazione della discriminazione di genere?

Lemigrazionisonostateunfattorediaumentodelrischio di abuso perledonne,maoltre a questo bisogna mettere in conto iltrattamentocheigoverniriservanoachi non ha unostatuslegaleoidocumentiinregola, anche se sta scappando da una guerra o dalla fame, che nel caso delle donne diventa una discriminazione doppia, eilrischiodisubireoaccettareviolenzeperviadell’impossibilitàdichiedereaiutoin un contesto già ostile, è enorme.Lo standardchemoltigoverni hanno, cioèlacorruzioneel’inefficienzasullimmigrazione,contribuiscepoi a favorirelebandeditrafficanti del sesso.Credocheledonnechevivonoinpovertà,ignoranza,incontestiviolenti neiloropaesi,abbianodirittoa cercaremiglioricondizionima i rischi oggi sono altissimi sempre.

E chi aiuta rischia?

C’è stato un caso che mi ha fatto capire anche quanto sia rischioso. Una donna, sposata con un uomo che lavorava con la polizia per fare il “lavoro sporco”, era stata testimone di molti crimini e lei stessa aveva subito una mutilazione che il marito le aveva inferto per mostrarle come lei fosse di sua proprietà. Era terrorizzata e quando capì che l’avrebbe uccisa, lo denunciò. La polizia era divisa tra agenti onesti e quelli corrotti che avevano rapporti con l’uomo, e la donna, rimasta in mezzo a questa guerra, ci chiese aiuto. Io cercai di coordinarmi con un rifugio di una città vicina per metterla in salvo. Lei era nascosta a casa dei genitori, ma riceveva continuamente minacce di morte. Riuscimmo a farla partire in auto insieme a persone sicure, spedendo la sua famiglia in due città diverse, ma fu necessario adottare misure speciali con una forte mobilitazione di personale.

Lei ha fatto un’inchiesta su Ciudad Jarez, la città messicana tristemente nota per il numero di femminicidi.

Ciudad Juarez è stata l’anticipazione dell’inferno che oggi viviamo in Messico: una città sul confine con gli Usa che proliferò negli anni ’80 con fabbrichette e laboratori messi su da compagnie straniere. La gente veniva dall’America Centrale per lavorare o per attraversare la frontiera con gli Usa, gente senza radici in una città nel deserto, priva di reti sociali e dove in poco tempo si consolidò traffico d’armi, droga, auto rubate, con l’insediarsi di bande su tutto il territorio. Alcune donne immigrate cominciarono a lavorare come prostitute in bar chiamati Cantinas, dove però nessuno che le conosceva abbastanza per accorgersi della loro scomparsa o addirittura per riconoscerne cadaveri in caso di morte. Le uccisioni di donne in quanto tali, cioè i femminicidi, iniziarono a essere documentati dal ‘93 da Esther Chavez Cano, che notò una strana sistematicità: le donne venivano ammazzate e i loro corpi abbandonati nel deserto dove svanivano le tracce per individuare gli autori del crimine. Le sparizioni di donne erano quotidiane: gli uomini non consideravano le donne come persone, usavano i loro corpi e le uccidevano gettandole via. Si scoprì che molte restavano prigioniere per mesi, sottoposte a sistematici stupri. Una volta 8 corpi tutti insieme furono trovati in una strada. A un certo punto capimmo che un certo numero di delitti erano legati a violenza domestica: grazie all’impunità diffusa, i mariti violenti uccidevano le mogli imitando le modalità dei killer per non essere individuati. Ma in Messico ci sono altri luoghi dove ormai le uccisioni di donne sono anche più numerose rispetto a Ciudad Juarez e nessuno lo sa.

Il GNWS ha una mappa della violenza sulle donne nel mondo?

Icriminicontroledonnepiùdiffusiavvengono senza dubbio dentro le mura di casa, e la forma di violenza più diffusa, con conseguenze devastanti per la salute della donna, è la violenzapsicologica,seguitadallaviolenzaeconomica, quella fisicaeinfine quella sessuale.Inalcuneparti del mondoquestoschemacambia: quandoèincorsounconflittoarmatoilcorpodelledonneèusatocomeobiettivo di guerra, e quindi la violenza fisica e sessuale vanno al primo posto con gli stupri di massa.

Il prossimo convegno?

A Washington dal 27 febbraio al 1 marzo con 1.500 delegate, 90 Workshop, 10 plenarie, 20 tavole rotonde, e tra le tematiche abbiamo le pratiche e la sostenibilità dei rifugi, il reperimento di partners per sostenere i servizi, la questione degli ostacoli e dell’accesso, problemi frontalieri e internazionali, il sostegno agli avvocati e agli attivisti. Insomma, abbiamo ancora tante cose da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...