L’onda guidata dalle donne può respingere i fascismi nel mondo

Mentre sui social se ne parla ancora dopo una settimana dall’evento, sui giornali italiani la notizia è stata quasi trascurata sia prima ma soprattutto dopo. Si tratta della Women’s March che malgrado non abbia raggiunto i numeri di due anni fa, quando Washington fu invasa contro il nuovo presidente Trump mentre s’insediava alla Casa Bianca, ha portato comunque anche quest’anno piazze piene in tutto il mondo: … Continua a leggere L’onda guidata dalle donne può respingere i fascismi nel mondo

Partita l’onda di “One Billion Rising for Justice”

Donne – Contro la violenza sulle donne e bambine. Domani in tutto il mondo una mobilitazione internazionale nata dal lavoro di Eve Ensler, autrice dei “Monologhi della vagina”. Quest’anno il tema è la giustizia. Molti dei nostri sostenitori – spiega Eve Ensler – ci hanno scritto per dirci che quest’anno volevano andare oltre, andare più in profondità, affrontare la questione dell’impunità e della mancanza di responsabilità … Continua a leggere Partita l’onda di “One Billion Rising for Justice”

L’Italia entra ufficialmente del V-Day

L’Italia entra a pieno titolo nel V-Day, il movimento globale contro la violenza alle donne che il 14 febbraio di quest’anno ha coinvolto tutto il mondo con One Billion Rising, giorno in cui donne e uomini del Pineta si sono alzati per dire no alla violenza sulle donne. La nomina si è svolta a New York una settimana fa, in una riunione operativa ristretta a 22 partecipanti con, oltre … Continua a leggere L’Italia entra ufficialmente del V-Day

“One Billion Rising” con femminicidio

Nel giorno di “One Billion Rising”, la campagna lanciata da Eve Ensler nel 15° anniversario del V-Day (Vagina Day) in cui un miliardo di uomini e donne vengono invitati ad alzarsi e a ballare tutti insieme contro la violenza maschile sulle donne, la giornata comincia con la morte di una donna uccisa con 4 colpi di pisola al braccio e alla testa. A sparare in … Continua a leggere “One Billion Rising” con femminicidio