Il terrore di un matrimonio forzato con un talebano in Afghanistan

Le famiglie scappano e cercano di portare in salvo ragazze e bambine costrette altrimenti a sposare chi le reclama

Philip Smucker
Philip Smucker
Giornalista e scrittore, ha trascorso gli ultimi vent'anni come reporter all'estero, coprendo i conflitti in Birmania, Cambogia, Haiti, Bosnia, Serbia, Afghanistan e Iraq. Ha scritto per numerose pubblicazioni, tra cui US News e World Report, Time Magazine, Christian Science Monitor, International Herald Tribune e Daily Telegraph. Ha ricevuto tre nomination al Pulitzer Price per il suo lavoro di inviato di guerra.



All’inizio di agosto, Sooma stava continuando il suo lavoro come assistente nella divisione crimini del dipartimento di polizia della città di Herat. Aveva ancora poche ragioni per credere che i combattimenti alla periferia della città sarebbero arrivati alla porta di casa sua. Si presentava al lavoro ogni giorno e i suoi guadagni andavano a sostenere i suoi cinque figli, che era stata costretta a crescere da sola dopo la morte del marito, un poliziotto, nel conflitto di tre anni prima. Il mondo di Sooma è stato sconvolto quando le difese di Herat sono crollate il 13 agosto e i talebani sono entrati in città, sequestrando uffici governativi e la stazione di polizia. Un combattente ha iniziato a minacciarla, ha spiegato in un’intervista.

“Ha minacciato di violentarmi e di uccidere i miei figli se non l’avessi sposato”, ha detto, con voce tremante. “Ha insistito e non avevo scelta in merito. Mi ha costretto a sposarmi a settembre con il consenso di un mullah”

Sooma, costretta a sposare un talebano

Da quel giorno, Sooma, che ha chiesto di essere identificata con uno pseudonimo per proteggere la sua identità, dice che la sua vita è stata un incubo. “È come se mi violentasse ogni notte”, ha detto. “Sto molto male e voglio uccidermi, e lo farei se non fosse per il mio dovere di crescere e proteggere i miei figli”. Difficoltà terribili, compresa la violenza, sono state a lungo una realtà per le donne afghane. Nel 2018, circa l’80% di tutti i suicidi afgani ha coinvolto donne che si toglievano la vita, spesso quando non vedevano una via d’uscita dalla violenza domestica.

I rapporti dell’Onu riportano che circa l’80% delle donne afgane denunciano abusi domestici

Negli ultimi anni, tuttavia, Herat era diventata un’eccezione relativa alla durezza standard della vita quotidiana per la maggior parte delle donne afgane. La città, fiancheggiata da frutteti e pergolati d’uva, è nota da tempo agli afghani come culla della cultura. Negli ultimi due decenni si era evoluto in un centro di espressione aperta con una fiorente scena letteraria in cui giovani donne e uomini single potevano sedersi insieme davanti a un tè negli spazi pubblici ed essere ascoltati mentre leggevano ad alta voce le proprie poesie.

Le proteste delle donne

Tutto è cambiato il 13 agosto, quando i talebani sono arrivati in città. La maggior parte delle donne e delle ragazze si è ritirata nelle proprie case, ma decine delle donne più coraggiose della città hanno osato protestare contro il divieto dei talebani all’istruzione delle ragazze e l’imposizione di restrizioni ai loro spostamenti. Le donne che marciavano in strada hanno affermato di voler “essere in grado di continuare ad andare al lavoro senza richiedere un mahram (membro della famiglia maschio come accompagnatore), e di far tornare a scuola le ragazze sopra il sesto anno”, secondo un dettagliato rapporto di settembre di “Human Rights Watch” incentrato su Herat. Quelle voci sono state presto soffocate.

Il 7 settembre, i combattenti talebani hanno picchiato le manifestanti con cinghie di gomma e hanno sparato indiscriminatamente sulla folla, uccidendo decine di civili prima di vietare completamente le proteste

Heather Barr

“Molte delle donne single con cui abbiamo parlato a Herat pensavano che l’unico modo per sopravvivere alla nuova era sarebbe stato sposarsi per potersi muovere all’interno della città”, ha affermato Heather Barr, co-direttore della Women’s Rights Division di “Human Rights Watch”. Ora, i talebani, impedendo alle donne di lavorare e impedendo alle ragazze tra i 7-12 anni di tornare a scuola, stanno creando le condizioni ideali per la violenza contro le donne, ha detto Barr, che vive a Islamabad, in Pakistan.

La violenza domestica

Ha affermato che Human Rights Watch sta anche cercando di monitorare il fenomeno dei matrimoni forzati da quando i talebani sono saliti al potere, ma fino ad oggi non è stata in grado di raccogliere prove sufficienti per affermare che i talebani condonano la pratica a livello di leadership. I talebani hanno sostenuto in passato che “organizzare matrimoni” per vedove come Sooma è per il bene della società e dei bambini che vivono con madri single.

La violenza domestica in Afghanistan è causata da decenni di incessante guerra, povertà e una cultura patriarcale di vecchia data. In un paese la cui popolazione totale si avvicina ai 40 milioni, si stima che ci siano 2-3 milioni di vedove. Fino a poco tempo, l’ex governo pagava circa 100.000 vedove afgane l’equivalente di $ 100 al mese in uno stipendio governativo per vivere. Anche questo, però, è finito con la presa del potere da parte dei talebani. Nelle regioni conservatrici, per lo più pashtun del paese, una donna afghana vedova viene spesso data in matrimonio combinato con il fratello o un parente stretto del marito defunto, una mossa vista dalla cultura patriarcale come protezione dell’onore sia della vedova che la famiglia, anche se il fratello è già sposato.

La cosa più inquietante per le donne afgane e per i sostenitori internazionali dei diritti umani, tuttavia, è la crescente evidenza che i talebani stiano permettendo ai propri combattenti di usare minacce di violenza per interpretare i già duri termini tradizionali del matrimonio per soddisfare i propri desideri personali.

I matrimoni imposti dei talebani

Zabiullah Mujahid

Un portavoce dei talebani, Zabiullah Mujahid, ha negato le accuse secondo cui i talebani stavano o stanno costringendo le donne al matrimonio, insistendo sul fatto che tali azioni violerebbero le regole dell’Islam. Nel gennaio 2021, l’enigmatico leader dei talebani ed ex giudice della sharia, Haibatullah Akhundzada, ha rilasciato una dichiarazione in cui esortava i comandanti del gruppo a rinunciare a prendere più mogli, un fenomeno che è stato diffuso tra la dirigenza benestante del gruppo, le cui attività il gruppo finanzia.

Sebbene gli uomini musulmani siano autorizzati dalla religione ad avere fino a quattro mogli, il comunicato diceva che la pratica stava dando forza alle “critiche dei nostri nemici”

Eppure le dichiarazioni e le smentite dei talebani presentano un chiaro caso di ordini di “fare ciò che diciamo, non ciò che facciamo”. Quasi tutti i leader senior dei talebani hanno già preso più mogli. In effetti, il fondatore del movimento, il Mullah Mohammad Omar, e il suo successore, il Mullah Mansoor, avevano entrambi tre mogli. In confronto, si ritiene che Haibatullah ne abbia solo due; tuttavia, il nuovo vice capo di stato dei talebani, il mullah Abdul Baradar, ha tre mogli e ha sposato l’ultima mentre era agli arresti domiciliari in Pakistan.

Gli attivisti per i diritti delle donne afghane affermano che le nuove negazioni degli abusi da parte dei talebani sono un insabbiamento per ciò che sta accadendo fuori da quello che si vede. “I talebani sono cambiati, ma non in senso positivo”, ha detto Atefa Kakar, un’ex dipendente delle Nazioni Unite che ora vive in Germania dove sta facendo un master e si batte per le donne afghane. “I talebani hanno ancora un’ideologia estremista e altamente misogina, anche se stanno cercando di ingannare il mondo con le smentite. Le donne afghane non credono ai talebani anche se affrontano una realtà di crescente impotenza”.

La comunità internazionale

“Per quanto riguarda la comunità internazionale e cosa possono fare per aiutare”, ha continuato, “ci sentiamo già abbandonati. Personalmente, non vedo la comunità internazionale, comprese le Nazioni Unite, in grado di persuadere i talebani a cambiare le proprie abitudini o a istituire una politica umana né sul fronte del matrimonio né su quello dell’istruzione”.

Michelle Bachelet

Anche dopo che i talebani hanno conquistato le principali città afgane come Herat, la responsabile dei diritti umani delle Nazioni Unite, Michelle Bachelet, ha insistito sul fatto che i diritti delle donne e delle ragazze afgane fossero una priorità delle Nazioni Unite. “Nello specifico – ha affermato Bachelet – una linea rossa fondamentale sarà tracciata riguardo il trattamento da parte dei talebani di donne e ragazze e il rispetto dei loro diritti alla libertà, alla libertà di movimento, all’istruzione, all’espressione personale e al lavoro, guidati dalle norme internazionali sui diritti umani. In particolare, garantire alle ragazze l’accesso a un’istruzione secondaria di qualità sarà un indicatore essenziale dell’impegno per i diritti umani”. La sua insistenza su una “linea rossa” era simile alle dichiarazioni rilasciate dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti prima dell’acquisizione dei talebani.

Ma anche se le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza hanno insistito sul fatto che i talebani debbano superare i loro attuali obiettivi educativi e riguardo il trattamento delle donne, la leadership del gruppo non ha detto se consentirà alle ragazze sopra il sesto grado di rientrare a scuola, ha osservato Barr. Inoltre, le donne afghane stanno chiarendo cosa pensano delle promesse dei talebani.

Le donne afghane che lavorano con l’onu in Afghanistan, molte delle quali hanno contribuito a monitorare i diritti umani, stanno cercando di lasciare il paese e in alcuni casi sono già partite

Le donne cercano di fuggire per la paura

“Ho sentito dalle mie ex colleghe che ancora lavorano alle Nazioni Unite – donne che non avrebbero mai considerato di lasciare l’Afghanistan perché hanno un buon lavoro e uno stipendio – che stanno cercando di fuggire dal paese ora per paura che le loro figlie adolescenti siano costretta a sposarsi con un combattente talebano”, ha detto Kakar, che in precedenza ha lavorato sia per la missione politica, UNAMA, sia per il gruppo UN Women. “Penso che voler lasciare disperatamente un lavoro eccellente per un paese sconosciuto ti dica tutto ciò che devi sapere sullo stato di paura che attanaglia l’Afghanistan in questo momento a causa della presa del potere da parte dei talebani”.

Le paure dei familiari stanno guidando la migrazione attraverso i confini. Dopo l’acquisizione dei talebani, i membri della minoranza hazara afghana, che abbraccia l’Islam sciita ed è disprezzata dalla leadership talebana, sono fuggiti a migliaia sia in Pakistan che in Iran, sebbene attraversare il confine recintato sia estremamente pericoloso. Un uomo che è fuggito dall’Afghanistan con due giovani sorelle ha detto a “Deutsche Welle” che se n’era andato perché non voleva che le sue sorelle si sposassero con combattenti talebani.

Vicino al confine pakistano ma all’interno dell’Afghanistan, Shabnam, una studentessa delle superiori, che ha chiesto di essere chiamata solo con il suo nome in questa storia, ha detto che anche lei era stata costretta a un matrimonio forzato. Un lealista talebano nella provincia di Parwan l’aveva tormentata, ha detto, insistendo sul fatto che se il suo gruppo fosse salito al potere, avrebbe dovuto cedere loro la sua verginità. Quando i talebani hanno preso il distretto in cui vive, dice, “lo stesso ragazzo che mi ha schernito, mi ha rivendicato come sua moglie e gli è stato dato il permesso dai leader locali dei talebani per farlo”.

______________________________

Questo articolo è stato scritto da Philip Smucker e pubblicato il 12 ottobre 2021 su thediplomat.com – Traduzione di DonnexDiritti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen