Afghanistan: centri antiviolenza chiusi perché considerati bordelli

Per 20 anni i rifugi hanno protetto centinaia di ragazze e donne sfuggite alla violenza domestica e ai matrimoni forzati

Frud Bezhan
Frud Bezhan
Frud Bezhan è redattore per l'Afghanistan, l'Iran e il Pakistan nella Central Newsroom di RFE/RL. In precedenza, è stato corrispondente da Afghanistan, Kosovo e Turchia. Prima di entrare in RFE/RL nel 2011, ha lavorato come giornalista freelance in Afghanistan e ha collaborato con diversi giornali australiani, tra cui The Age e The Sydney Morning Herald.



Da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan, dozzine di centri antiviolenza nel Paese sono stati chiusi, tagliando una via di fuga per le sopravvissute alla violenza maschile. Il nuovo governo afghano  deve ancora specificare la sua politica sui centri antiviolenza, ma dato che i talebani hanno bollato le case sicure delle donne come “bordelli”, gli attivisti temono che il gruppo islamista li bandisca definitivamente. Dalla presa di Kabul del 15 agosto, i talebani hanno reimposto alcune delle stesse politiche repressive contro le donne che avevano definito il loro governo brutale dal 1996 al 2001.

Il nuovo regime talebano ha già ridotto l’istruzione per le ragazze, negato il diritto al lavoro alle donne, abolito il ministero per gli affari femminili e riportato alla luce la temuta polizia morale

Durante la cattura fulminea di Kabul durante l’estate, molti centri antiviolenza hanno iniziato a chiudere i battenti per paura di ritorsioni. In molti casi, le dipendenti del rifugio hanno bruciato documenti sensibili e sono fuggite insieme alle donne che stavano ospitando.

Le donne temono per la loro sicurezza

Il capo di un centro di accoglienza per donne a Kabul, che ha parlato con RFE/RL in anonimato, ha affermato di aver dovuto affrontare una scelta angosciante quando i talebani sono entrati a Kabul: rimanere aperti ed esporre le sue dipendenti e le ospiti a possibili rappresaglie talebane o chiudere e rimandare indietro le donne alle loro famiglie violente. “Su richiesta delle donne, le abbiamo consegnate alle loro famiglie”, ha detto il responsabile del centro. “Abbiamo ricevuto rassicurazioni scritte dalle loro famiglie che non le avrebbero maltrattate di nuovo. Non avevamo fiducia nei talebani. Quindi, siamo stati costretti a chiudere il rifugio”.

Gli attivisti temono che le donne e le ragazze che tornano alle loro famiglie possano diventare vittime dei “delitti d’onore” con l’accusa di aver disonorato la famiglia

“Le donne e le ragazze costrette a fuggire dai centri di accoglienza per tornare alle loro famiglie si ritroveranno ad affrontare la violenza che le ha portate a fuggire”, ha affermato Heather Barr, direttrice associata dei diritti delle donne di Human Rights Watch. “Temiamo per la loro sicurezza e le loro vite, dato che sono tornate dai loro aggressori in un momento in cui tutte le prevenzioni alla violenza contro le donne sono sparite nel nulla”, ha detto Barr.

Alcuni rifugi sono operativi

Mentre molti rifugi hanno cessato le operazioni, alcuni centri hanno scelto di rimanere aperti. Ma non accettano nuovi casi e mantengono un basso profilo nel tentativo di garantire la sicurezza delle loro ospiti. Uno di questi è a Kabul e ospita solo cinque donne, alcune con bambini piccoli. Alcune sono lì da anni e dicono di non poter tornare alle loro case e alle loro famiglie per paura di diventare vittime di delitti d’onore. “Le donne che vivono qui non hanno nessun altro posto dove andare”, dice la responsabile del rifugio in anonimato.

“Ecco perché siamo rimasti aperti. Non permetterò mai che diventino delle senzatetto”. La direttrice del rifugio ha affermato che combattenti talebani armati hanno già perquisito diverse volte gli uffici del rifugio, e hanno sequestrato veicoli e proprietà private senza però danneggiare fisicamente nessuno. Anche prima che i talebani tornassero al potere in Afghanistan, i centri di accoglienza per le donne sono stati oggetto di feroci critiche in un Paese profondamente conservatore e patriarcale.

La violenza domestica è routine, I matrimoni forzati la norma e il tasso di suicidi femminili in Afghanistan rimane tra i più alti al mondo

Nonostante i progressi compiuti per i diritti delle donne in Afghanistan dall’invasione guidata dagli Stati Uniti alla fine del 2001, le figure religiose hanno tentato di portare i rifugi sotto il controllo del governo. Molti di loro sono stati gestiti e finanziati in modo indipendente da un mix di donatori privati, organizzazioni internazionali e governi stranieri. Il numero esatto di centri antiviolenza in Afghanistan prima dell’a conquista dei talebani non è chiaro. Ma gli attivisti stimano che ci fossero almeno 30 case sicure in circa la metà delle 34 province del paese. Molti dei rifugi sono stati istituiti dopo il 2001 e hanno funzionato nonostante le minacce di morte continue e i tentativi di femminicidio da parte dei talebani.

Alcuni dei rifugi, in particolare fuori Kabul, operavano completamente offline. Non avevano impronte digitali e usavano nomi in codice

“Molte case sicure hanno sospeso le loro operazioni ora, ma potrebbero continuare le loro operazioni in seguito”, ha affermato un dipendente di una ONG straniera che opera in Afghanistan. La prossima volta, “vorranno meno coinvolgimento esterno, che potrebbe attirare l’attenzione delle autorità”, ha detto in anonimato a causa della delicatezza della questione.

Annullamento dei diritti

Da quando hanno ripreso il potere, i talebani hanno cercato di proiettare un’immagine più moderata per convincere gli afgani e la comunità internazionale che è cambiata. Sotto il regime repressivo dei talebani negli anni ’90, le donne erano costrette a coprirsi dalla testa ai piedi, al divieto di lavorare fuori casa e all’obbligo di essere accompagnate da un parente maschio se uscivano. L’istruzione era limitata alle ragazze preadolescenti. Alla loro prima conferenza stampa da quando hanno preso il controllo di Kabul, i talebani hanno giurato che avrebbero protetto i diritti delle donne nell’ambito della loro interpretazione fondamentalista della sharia islamica.

Ma i militanti non hanno mostrato alcun segno che le loro opinioni siano cambiate da quando hanno governato l’Afghanistan due decenni fa. Le loro azioni finora hanno tradito le promesse iniziali. I talebani hanno formato un nuovo governo tutto maschile dominato da veterani della linea dura. Non è inclusa nessuna donna, neanche in ruoli secondari. I talebani hanno affermato che le donne non sono adatte a servire nel nuovo governo guidato dai talebani.

I militanti hanno abolito anche il Ministero per gli Affari Femminili e ristabilito il temutissimo Ministero per la Promozione della Virtù e per la Prevenzione del Vizio

Promesse non mantenute

Negli anni ’90, quel viceministro era responsabile dell’applicazione delle leggi talebane sulla moralità, incluso il suo rigido codice di abbigliamento e la segregazione di genere nella società. La temuta polizia del ministero era nota per aver picchiato pubblicamente i trasgressori, comprese le donne. I talebani hanno consigliato alle donne di rimanere in gran parte in casa per la propria sicurezza. I militanti hanno anche ordinato a decine di migliaia di ex lavoratrici del governo di non tornare al lavoro, anche se i loro colleghi maschi sono tornati al lavoro.

Il 19 settembre, il sindaco ad interim di Kabul ha detto alle dipendenti donne del governo della città di rimanere a casa, con il lavoro consentito solo a coloro che non possono essere sostituite da uomini. Alle ragazze afghane è stato vietato di tornare alla scuola secondaria. Il governo a guida talebana ha ordinato solo ai ragazzi e agli insegnanti maschi di tornare in classe. I talebani hanno imposto anche un nuovo codice di abbigliamento e la segregazione di genere nelle università e nei college. Gli attivisti lo descrivono come un “chiaro segno di repressione”.

I militanti hanno anche disperso violentemente le manifestanti donne che chiedevano il loro diritto al lavoro e a ricevere un’istruzione

Talebani che hanno ripetutamente suggerito che le loro decisioni sulle donne sono temporanee, in un apparente tentativo di allontanare le critiche internazionali, anche se emanano decreti intransigenti.

_________________________________

Questo articolo è stato scritto da Frud Bezhan e pubblicato il 26 settembre 2021 su gandhara.rferl – Traduzione di DonnexDiritti

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen