Perché nella nostra cultura è molto più facile dare la colpa alle donne?

Recentemente ho avuto modo di riflettere molto riguardo l’alienazione parentale a causa di due casi di alto profilo: quello di Mia Farrow e Woody Allen e il divorzio di Brad Pitt e Angelina Jolie che non ha ottenuto l'affido esclusivo dei figli

Louise ONeill
Louise ONeill
Scrittrice e giornalista, editorialista su Irish Examiner



La prima volta che ho sentito parlare di “alienazione parentale” è stato durante un colloquio con alcune sopravvissute a violenza domestica a ovest di Cork, in Irlanda. La maggior parte era stata accusata di alienazione parentale da parte dei precedenti partner: un’accusa a cui si dà ancora molto credito all’interno dei tribunali.

Alienazione parentale come scuso alla violenza domestica

Richard Garder

L’Alienazione Parentale viene descritta come l’esperienza di un bambino che viene manipolato o indottrinato da uno dei due genitori per rivolgerlo contro l’altro. Un articolo di Patricia Fersch su Forbes spiega come questo termine sia stato coniato per la prima volta nel 1985 da uno psichiatra infantile, Richard A. Gardner, ed elenca gli otto sintomi da Sindrome di Alienazione Parentale (PAS), che vanno da “l’implacabile denigrazione del genitore preso di mira”, “ostilità e rifiuto di avere contatti con il genitore in questione” e “l’insistenza del bambino che lui o lei stia esprimendo le proprie opinioni nel denigrare il genitore”.

Tuttavia, ogni donna con cui ho parlato mi ha detto che desiderava che i bambini potessero avere una relazione con il padre e io ho creduto alle loro parole, anche perché sembra molto più plausibile che i bambini in questione fossero spaventati dal genitore abusante e preferissero non rimanere da soli con loro, in quanto spesso e volentieri avevano assistito in prima persona alle violenze nelle loro case.

Il caso di Angelina Jolie e Brad Pitt

Ho riflettuto molto sulla PAS negli ultimi tempi a causa di due casi ad alto profilo. Uno è quello di Mia Farrow e Woody Allen, l’altro è il divorzio di Angelina Jolie e Brad Pitt. Jolie ha firmato per il divorzio nel 2016, chiedendo l’affido esclusivo dei loro sei figli.

Al tempo, sono emersi i racconti di una furiosa litigata sull’aereo privato di famiglia, e in molti hanno detto che Pitt era sotto inchiesta per abusi sui minori presso l’FBI e il Dipartimento per i Servizi sui Minori e la Famiglia di Los Angeles

Angelina Jolie e Brad Pitt

Il mese scorso, un giudice ha dato a Pitt l’affido condiviso dei loro bambini minorenni. Jolie sta adesso accusando il giudice di “aver fallito nel considerare in maniera adeguata” una parte del Codice californiano in merito ai provvedimenti per violenza domestica e affido. La reazione a tutto questo la dice lunga. Jolie, che per molti è ancora la “donna selvaggia” che portava al collo una fiala del sangue del suo amante, la donna che ha “rubato” Brad alla protagonista di “Friends”, Jennifer Aniston, continua ad essere guardata con sospetto.

Non starà semplicemente cercando di distruggere il Re di Hollywood con “false” accuse di abusi? Il parallelo con Mia Farrow è difficile da ignorare

“Allen Vs Farrow”

Mentre guardavo il recente documentario della HBO, “Allen Vs Farrow”, sono rimasta sconvolta nello scoprire che Allen ha cercato di ottenere l’affido dei figli più piccoli affermando che soffrivano della Sindrome di Alienazione Parentale per mano della madre, e che Mia avrebbe fatto il lavaggio del cervello a loro figlia Dylan, nel creare delle accuse di abuso sessuale. Un podcast dei produttori del documentario ha precisato che anche se la Farrow è ben lontana dall’essere perfetta (ci sono state delle accuse di abuso fisico e psicologico da due dei suoi figli, Moses e Soon-Yi), aveva già sperimentato due divorzi sgradevoli – Frank Sinatra le ha bruscamente dato i fogli per il divorzio sul set di “Rosermary’s Baby”, Andre Previn l’ha lasciata per una loro amica – ma nonostante questo ha comunque mantenuto dei rapporti amicali con entrambi. Nel caso di Previn, (padre di sei dei suoi figli), è rimasto come parte integrante della famiglia dopo che si erano lascati.

Mia non aveva precedenti situazioni in cui si era scagliata contro i suoi ex-mariti, quindi perché è stato così facile per Allen dipingerla come una donna così tanto spregevole?

Perché è così facile screditare le donne?

Dylan Farrow

Perché, per molti anni, l’opinione prevalente è stata che la Farrow, devastata a causa del fatto che il suo partner aveva intrapreso una relazione sessuale con sua figlia 21enne, avrebbe manipolato la figlia di sette anni nell’affermare di essere stata abusata? Ma credo che la vera domanda sia: perché nella nostra cultura è molto più semplice accusare le donne? La verità è che l’alienazione parentale è stata screditata da molti. Non è stata riconosciuta dall’Associazione Americana degli Psicologi, dall’Associazione Americana dei Medici e dall’Associazione Americana degli Psichiatri, che hanno tutte affermato che non esistono sufficienti evidenze cliniche per parlare di questa “sindrome”.

Nonostante questo, viene ancora utilizzata e considerata legittima all’interno dei conflitti familiari

Come la Pas serve per silenziare gli abusi

La ricerca condotta dalla Dott.ssa Adrienne Barnett per l’Università Brunel di Londra ha esaminato tutti i procedimenti giudiziari dell’Inghilterra e del Galles dal 2000 al 2019 in cui era stata applicata e ha concluso che la PAS spesso e volentieri si è imposta all’interno dei casi di conflitti familiari escludendo tutte le altre evidenze.

“Giocare la carta dell’Alienazione Parentale significa avere in mano il potere di silenziare donne e bambini che si rifiutano di avere contatti con uomini abusanti. La PAS non è una controparte della violenza domestica, utilizzarla significa oscurare l’abuso domestico”

Adrienne Barnett

Un articolo recente di Rachel Watson su thecourtsaid.org, una campagna internazionale Survivor Family Justice, ha precisato che mentre ci sono ovviamente alcuni casi in cui le madri cercano di mettere i figli contro i padri durante la separazione, nella maggioranza dei casi l’alienazione parentale viene utilizzata nel celare il vero abuso che si sta verificando. Le vittime sono spesso forzate a mandare i loro figli “che sbraitano e urlano ad avere incontri non protetti” con genitori abusanti. Penso che sia fondamentale che siamo consapevoli di tutto questo e che quando si parla di alienazione parentale, ascoltiamo le parole delle organizzazioni benefiche e delle sopravvissute alla violenza domestica. Ascoltiamo i bambini che sono coinvolti e manteniamo il loro supremo interesse a la loro sicurezza al centro del nostro sistema giudiziario famigliare.

__________________________

Questo articolo è stato scritto da Louise O’Neill e pubblicato il 12 giugno 2021 su Irish Examiner – Traduzione di DonnexDiritti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen