Nudi falsi e minacce reali: nel web aggressioni sulle donne per scoraggiare chi entra in politica

Subiscono più attacchi online rispetto alle loro controparti maschili e spesso la violenza diventa un serio pericolo

Emma Goldeberg
Emma Goldeberg
Reporter del NYT e scrittrice. Ha pubblicato "Life on the Line" (Hardcover).



Il primo anno in cui più di due donne hanno prestato servizio al Senato negli Stati Uniti è stato il 1992, soprannominato “l’anno della donna”. Decenni più tardi, le donne ora costituiscono quasi un quarto di quel corpo legislativo. Ma come la rappresentanza femminile cresce, altrettanti sforzi si fanno per indebolirla.

I pericoli per le donne che fanno politica

I ricercatori hanno scoperto che le donne in politica tendono ad affrontare attacchi online più personali rispetto ai loro omologhi maschi, con post sui social media che raddoppiano sul carattere e la sessualità piuttosto che il lavoro politico.

Un’indagine globale del 2016 sulle parlamentari donne ha scoperto che il 42% delle intervistate aveva visto “immagini estremamente umilianti o sessualmente cariche” di se stesse condivise su internet

Kamala Harris

E un altro studio ha scoperto che subito dopo la selezione di Kamala Harris come candidato di Joseph R. Biden alle elezioni presidenziali del 2020, false affermazioni sono state condivise su Harris 3.000 volte all’ora su Twitter. “L’ambiente dei social media è così sessista e pieno di materiale vile quando si tratta di donne in politica” ha detto Julia Gillard in un’intervista del 2019, prima e unica Prima Ministra dell’Australia. È anche diventato sempre più chiaro che ciò che inizia come disinformazione, un’immagine photoshoppata, un pezzo distorto di dati, può degenerare in violenza offline. E questa combinazione di disinformazione online e minacce offline può far dubitare molte donne di voler entrare in politica.

“Influisce sulla volontà delle donne di essere negli spazi pubblici, parlare liberamente e partecipare al discorso pubblico”, ha detto Lucina Di Meco, esperta di genere

Gli attacchi online: donne ipersessualizzate

Dilma Rousseff

Gli attacchi online alle donne spesso fanno riferimento a stereotipi che esistevano molto prima di Internet, descrivendo le donne come mentalmente instabili o iper-sessuali. “Sono tutti gli stessi fischietti razzisti e sessisti ora ingranditi e sovralimentati in modo anonimo sui social network”, ha detto Arisha Hatch, vice presidente e capo delle campagne dell’organizzazione per i diritti civili Color of Change. In Brasile, quando la prima presidente femminile del paese, Dilma Rousseff, ha affrontato l’impeachment nel 2016, a seguito di accuse di corruzione e manipolazione volte a coprire la crisi finanziaria del paese, i tabloid hanno pubblicato foto negative di lei, secondo Mona Lena Krook, professoressa di scienze politiche all’Università di Rutgers, con i pugni serrati o la bocca spalancata, in uno sforzo concertato per mettere l’opinione pubblica contro di lei.

“I tabloid hanno fatto sembrare che stava avendo un crollo emotivo” ha detto la Dott.ssa Krook. “Si gioca nell’idea che le donne siano troppo emotive per la politica”

Kolinda Grabar-Kitarović

Un altro approccio dipinge le donne politiche come ipersessualizzate. Questo è ciò che la ex presidente croata Kolinda Grabar-Kitarovic ha riscontrato quando i tabloid hanno mostrato le foto di un’altra donna in bikini e hanno affermato falsamente che fosse lei. Il soggetto della foto è stato successivamente identificato come Coco Austin, partner del rapper americano Ice-T ma il danno alla reputazione di Ms. Grabar-Kitarovic è stato fatto. “Se le persone non sono critiche e disposti a prendere un momento per valutare se una storia o un’immagine è reale, gli effetti finiscono per essere amplificati” ha detto la Dott.ssa Krook.

Le leader come bersagli preferiti e le finte foto “nude”

Svitlana Zalishchuk

Altre leader femminili si sono anche trovate bersaglio di foto finte di nudo, come l’ex deputata del parlamento ucraino, Svitlana Zalishchuk, e una candidata presidenziale ruandese, Diane Rwigara. “È stata una delle tante tattiche utilizzate per farmi tacere”ha detto Ms. Rwigara alla CNN nel 2017. Una volta che la disinformazione fuoriesce, è difficile da contrastare, spiega la Dott.ssa Krook: è difficile garantire una ritrattazione che raggiunga tutti coloro che hanno visto il post sfalzato, e anche viene visto, non è detto che non cambino idea.

La disinformazione si diffonde rapidamente, ha aggiunto il Dott.ssa Krook, perché attinge e rafforza le credenze sessiste esistenti sulle leader politiche femminili

Con i social media, gli attacchi alle donne di alto profilo possono verificarsi su una scala senza precedenti, spesso in modo anonimo e con impunità. E solo negli ultimi anni i politici hanno iniziato a concentrarsi sui rischi che le donne affrontano a causa di questi attacchi online, rivolgendosi pubblicamente a loro e rendendone conto nella definizione delle politiche.

Il piano per rapire la governatrice Gretchen Whitmer

Gretchen Whitmer

Lo scorso autunno, le autorità federali e statali hanno rivelato un piano dettagliato per rapire la governatrice del Michigan Gretchen Whitmer . Ms. Whitmer era diventata un bersaglio di attivisti di destra e anti-governativi a causa delle misure che aveva attuato per rallentare la diffusione del coronavirus. Il gruppo che ha tramato il rapimento ha spiato la casa vacanze di Ms. Whitmer, si è incontrato regolarmente per armi da fuoco e addestramento al combattimento, e ha fatto piani per comprare esplosivi. Ma il piano di rapimento non è iniziato nel seminterrato dove tenevano i loro incontri. Le sue “fiamme” sono state “soffiate” su internet, secondo Kristina Wilfore, professoressa aggiunta alla George Washington University. La trama è stata preceduta da settimane di campagne online di disinformazione su Ms. Whitmer.

I social media di destra creavano meme che ritraevano la sua bava alla bocca o come dominatrice che sparava laser dai suoi occhi. All’epoca, il presidente Donald J. Trump aveva esortato su Twitter a “Liberare il Michigan!”

Nancy Pelosi

“E ‘stato un modo cinico per fare di lei il manifesto figlio delle accuse di sopravvalutare ed esagerare il Covid”, ha detto Ms. Wilfore. “Il fatto che il complotto fosse diretto a una governatrice non è stato un caso”. I legislatori repubblicani in Michigan hanno recentemente introdotto un disegno di legge che richiederebbe a Ms. Whitmer di fornire un avviso dettagliato quando lascia lo stato, che il Senato dello Stato ha approvato nonostante le preoccupazioni di sicurezza sollevate dai democratici. Il complotto contro Ms. Whitmer ha reso evidente la posta in gioco delle teorie cospiratorie online. “Questo è un esempio molto chiaro di come la disinformazione alimentata dal sessismo può portare a conseguenze reali per le donne, e le donne in politica in particolare“, ha detto Lucina Di Meco.

Il potere delle fake news online diventa sessismo sulle donne

Alexandria Ocasio-Cortez

Di Meco ha aggiunto che lo stesso legame tra disinformazione online e violenza offline era visibile il 6 gennaio, quando decine di migliaia di sostenitori di Trump si sono ribellati al Campidoglio dopo settimane di condivisione di teorie fraudolente su Facebook e Parler screditando la vittoria presidenziale di Biden. Con una nuova amministrazione al potere, alcuni esperti affermano che è giunto il momento di uno sforzo nazionale più concertato per contrastare la disinformazione online, in particolare i suoi effetti perniciosi sulle donne. L’amministrazione Biden si è impegnata a creare una task force nazionale sulle molestie e gli abusi online, che studierebbe il legame tra gli abusi online e la violenza contro le donne.

E lo scorso agosto, 100 donne legislatori americane, tra cui la portavoce Nancy Pelosi, la rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez e la senatrice Tammy Baldwin, insieme agli attuali ed ex legislatori di tutto il mondo, ha scritto una lettera a Facebook esortando il sito ad agire per proteggere i politici donne dagli attacchi online, anche eliminando i post che minacciano la violenza e rimuovendo immagini manipolate o video di figure pubbliche femminili.

“Non fate questi errori” diceva la lettera. “Queste tattiche, che vengono utilizzate sulla vostra piattaforma per intenti malvagi, hanno lo scopo di mettere a tacere le donne e soprattutto minare le nostre democrazie”

Baldwin Tammy

La rappresentante Jackie Speier, co-presidente del Gruppo Democratico delle Donne, un organo che comprende tutte le donne democratiche della Camera, ha detto che la firma della lettera si è sentita particolarmente personale per lei, data la sua “esperienza di vita” di fronte alle minacce come politica: quando si è concentrata sull’applicazione degli alimenti per bambini nella legislatura statale della California, per esempio, ha dovuto indossare un giubbotto antiproiettile. “Ma è aumentato così drammaticamente negli ultimi anni,” ha continuato. “E tutto ciò ha molto a che fare con i social media”. La relatrice auspica una maggiore regolamentazione delle compagnie di social media e maggiori multe per aver violato i loro termini di servizio. “Hanno la responsabilità di non essere i fornitori di disinformazione”, ha detto.

Una portavoce di Facebook ha scritto in una e-mail che l’azienda sta lavorando per affrontare le questioni sollevate nella lettera “in una varietà di modi”

Come arginare il fenomeno

Jackie Speier

Ciò include “la tecnologia che identifica e rimuove il contenuto potenzialmente abusivo prima che accada, facendo rispettare le politiche rigorose e comunicando con gli esperti per accertarsi che rimaniamo davanti alle nuove tattiche”. Ms. Speier e il Democratic Women’s Caucus intendono anche chiedere al Consiglio per la politica di genere dell’amministrazione Biden di investire risorse per contrastare la violenza online contro le donne. Ma nessuna soluzione politica può pienamente spiegare i danni già causati dagli attacchi online contro donne di alto profilo. Lucina Di Meco ha ricordato l’impatto che gli abusi online hanno avuto sulla sua salute mentale. Mentre lavorava come attivista in Italia per il Partito Democratico Italiano, i suoi account Facebook e email sono stati inondati di messaggi che la chiamavano “stupida” e la minacciavano di violenza. Si chiedeva se eliminarli o portarli alle autorità, anche se sapeva che i colpevoli non sarebbero stati ritenuti responsabili. “È difficile sopravvalutare l’impatto di abusi basati genere” ha affermato  Di Meco. “Perché questa è la prima generazione di donne che sta davvero cercando di entrare nella vita pubblica e candidarsi, ma dietro di loro c’è uno sforzo per limitare il loro potenziale proprio mentre sta iniziando”.

_________________________

Questo articolo è stato scritto da Emma Goldberg e pubblicato il 3 giugno 2021 sul New York Times – Traduzione di DonnexDiritti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen