Taranto: accoltella il figlio e getta la figlia di 6 anni dal terzo piano. Perché quest’uomo aveva il permesso di vederli?

Litiga con la moglie, getta la figlia dal balcone e accoltella il figlio: l’uomo aveva perso la potestà genitoriale. Così oggi titolano i giornali sulla tragedia di Taranto, dove ieri un uomo ha ferito con un coltello da cucina il figlio di 14 anni e successivamente ha gettato la figlia di 6 anni dal terzo piano dell’abitazione della nonna paterna, nel quartiere di case popolari del rione Paolo VI. Ora la piccola, ricoverata subito all’Ospedale Santissima Annunziata, versa in gravissime condizioni e combatte tra la vita e la morte con importanti lesioni al fegato, un serio trauma cranico e mascella, mentre il padre è stato arrestato per tentato omicidio. L’uomo è scampato al linciaggio della folla e i giornali hanno scritto di lui che aveva perso la podestà sui figli in quanto aveva precedenti per maltrattamenti in famiglia e che il “raptus” era stato generato dalla lite che aveva avuto telefonicamente con la ex moglie proprio per la frequentazione con i figli e il contrasto tra loro sulle date: un litigio la cui reazione sarebbe stata tentare di uccidere i bambini che erano nell’abitazione della nonna paterna alla quale erano stati affidati.

4023452_Taranto
Nelle foto il luogo dove la bambina di 6 anni è stata lanciata dal padre

Un racconto in cui però non tornano alcune cose. La prima è un’osservazione puramente deontologica sulla narrazione del fatto, perché se l’uomo aveva precedenti per maltrattamenti, quello di ieri non era certo il primo atto di violenza in famiglia ma anzi l’ultimo di una serie culminati nel tentato omicidio dei figli: circostanza su cui è assolutamente fuori luogo parlare di “raptus” inspiegabile e caduto da cielo, anche fosse stato ubriaco (come riportano alcuni). La seconda è sulla ormai collaudata insistenza di alcuni colleghi a sottolineare che l’uomo non accettava la separazione, quando ormai è noto che tali atti di violenza estrema non sono causati dalla separazione, giustamente voluta dalla donna che li subisce, ma dalla violenza che l’offender ha perpetrato a livello domestico e che, nel momento della separazione, diventa ancora più pericolosa: una circostanza per cui imputare atti di questo genere alle liti o alle separazioni in un contesto di violenza domestica all’interno della notizia, è fuorviante e non corrispondente al vero. Il terzo è che nella maggior parte delle volte il fatto di accanirsi sui figli, come spesso succede e quindi ampiamente dimostrato dai casi, scaturisce non dal raptus momentaneo ma dalla volontà certa di vendetta nei confronti della madre da parte dell’offender, e non per il fatto di vedere o non vedere i figli, ma per usarli come arma di ricatto o addirittura d’offesa, verso la donna che cerca di sottrarsi al controllo e alla violenza dell’ex partner: caso in cui è corretto parlare di femminicidio, un termine usato dai giornali solo quando c’è una donna uccisa dal marito, e non per casi come questo di Taranto o altri simili.

4024788_0804_balconebimba

Infine nella narrazione nessun giornale si è focalizzato su una domanda su cui sarebbe importante indagare: perché quest’uomo, che aveva precedenti per maltrattamenti e quindi era, come si può dedurre facilmente, un offender, aveva la possibilità di frequentazione dei figli? E perché questi bambini erano collocati presso la nonna paterna dove l’uomo era tranquillamente a casa sua? E infine perché quest’uomo non aveva un provvedimento di allontanamento vista la sua pericolosità? Anche se aveva perso la responsabilità genitoriale, quest’uomo, che ricordiamo ha tentato di uccidere entrambi i figli, ha avuto il tempo di ferire in mattinata il figlio maggiore di 14 anni  – subito portato al pronto soccorso da uno zio – e senza che nessuno facesse nulla, ha avuto il tempo successivamente di scaraventare la bambina di 6 anni giù dal balcone. Ma perché quest’uomo stava lì? Quello che infatti rimane nell’ombra sono le ragioni per cui, alla luce dei precedenti per maltrattamento in famiglia, il tribunale avesse dato a un offender conclamato il permesso di vedere i bambini mettendo così in pericolo sia loro sia la madre, in uno dei momenti più pericolosi nei casi di violenza domestica, ovvero quei momenti che seguono alla separazione in cui le vittime sono più esposte e gli offender diventano maggiormente aggressivi. Nessuno cioè ha riflettuto, oltre all’indignazione, sulla responsabilità delle istituzioni che ancora oggi, malgrado la triste e continua cronaca sui femminicidi, non tutelano i soggetti esposti alla violenza domestica e che, ancora troppo spesso, permangono nell’idea che un marito violento possa essere un buon padre: idea che perdura pericolosamente nei tribunali civili e dei minori, dove anche davanti a condanne penali del genitore violento, si continua a pensare di fare incontri con figli che in questo modo vengono pericolosamente esposti.

4023452_Taranto5

Una situazione che andrebbe riformata drasticamente e che invece piomberebbe nel caos totale nel caso sciagurato che passasse il DDL 735 in discussione al senato in questi giorni, dove agli art.11 e 12 viene previsto che, sebbene venga tolto l’affido in caso “comprovato e motivato pericolo di pregiudizio per la salute psico-fisica del figlio minore in caso di violenza, abuso sessuale”, dall’altro, nell’art. 12, vengono permessi “tempi adeguati di frequentazione dei figli minori col genitore non affidatario” che potrebbe ritrovarsi da solo con un genitore anche condannato per maltrattamenti o abuso o quant’altro, mettendo così nero su bianco e per legge, la possibilità di esporre a grave pericolo minori nel frequentare un genitore violento che in ogni momento potrebbe attentare alla vita dei figli, esattamente come è successo ieri a Taranto, un mese fa a Scarperia, a marzo a Cisterna di Latina, e in molti altri casi in cui un padre/offender, per vendicarsi della ex e portare a termine la violenza già perpetrata, ha ucciso o infierito sui figli. Una legge, quella proposta dal senatore Pillon, che permette a genitori accusati di violenze e abusi di avere voce in capitolo sul diritto di famiglia a livello istituzionale, contravvenendo alla stessa Convenzione di Istanbul che a oggi è legge in Italia: una parte esigua di genitori dato che l’82% delle separazioni sono consensuali e per i quali l’attuale legge sull’affido condiviso funziona benissimo.

 

 

5 pensieri su “Taranto: accoltella il figlio e getta la figlia di 6 anni dal terzo piano. Perché quest’uomo aveva il permesso di vederli?

  1. Perché il padre è sempre il padre.
    Perché a Taranto e provincia sono attivi molti professionisti che sostengono la PAS e quindi prescrivono di non interrompere i rapporti dei figli con i padri perché sennò i bambini hanno il rischio evolutivo.
    Perché a Taranto, ma non solo, tra chi si occupa a tutti i livelli di separazioni e affido minori dominano misoginia e maschilismo.
    Il DDL Pillon metterà la pietra tombale, ma non in senso figurato, sui diritti di donne e bambini. Il tutto nel nome di padri che non sono padri ma animali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...