Cina, molestie e discriminazione sul lavoro: a partire dagli annunci

Le donne sono escluse da certi lavori e negli annunci possono essere richiesti specifici attributi fisici

Luisa Betti Dakli
Luisa Betti Dakli
DonnexDiritti Network International Women Director



Anche se la legge cinese proibisce la discriminazione di genere nelle assunzioni, la discriminazione sul lavoro è all’odine del giorno. Sia il governo cinese che le società private cinesi, utilizzano annunci di lavoro discriminatori di genere. Nel 2019, Human Rights Watch ha analizzato oltre 36.000 annunci di lavoro tra il 2013 e il 2018 sui siti web di reclutamento aziendali cinesi e sulle piattaforme di social media. Molti annunci specificano come requisito la preferenza per candidati uomini mentre altri specificano requisiti fisici per le candidate donne.

La preferenza di candidati maschili

HRW ha scoperto che nell’elenco delle posizioni per il servizio civile nazionale del 2020 del governo cinese, l’11% dei distacchi specificava una preferenza per gli uomini. Nel 2018 e nel 2019 il tasso era del 19%. Nel 2017 era del 13%. La diminuzione della percentuale complessiva nel 2020 è in parte dovuta al fatto che i ministeri più discriminatori assumevano meno persone rispetto agli anni precedenti. Tra i quasi 14.000 annunci nella lista del 2020, è stato ha rilevato che il 6% ha specificato una preferenza per i candidati uomini. Gli annunci di lavoro discriminatori indicavano “lavoro straordinario frequente”, “carico di lavoro pesante” e “viaggi frequenti” come motivi per escludere le donne.

Malgrado gli annunci di lavoro discriminatori violino la legge cinese, le leggi e i regolamenti contro la discriminazione di genere in Cina forniscono pochi meccanismi di applicazione specifici e non vengono applicati in modo efficace. Per risolvere questo problema, nel febbraio 2019, nove agenzie del governo centrale cinese, tra cui il Ministero delle risorse umane e la Federazione femminile cinese, hanno delineato congiuntamente misure specifiche per l’attuazione delle leggi esistenti che vietano la discriminazione di genere sul lavoro. Una misura includeva il divieto di annunci di lavoro che specificano un requisito o una preferenza per un genere.

Oggettivazione sessuale e gravidanza

Molti annunci richiedono che le donne abbiano determinati attributi fisici, come altezza, peso, voce o aspetto del viso, che sono irrilevanti per le mansioni lavorative.

altri annunci utilizzano attributi fisici delle donne, spesso dipendenti attuali, per attirare candidati maschi

Oltre a privare illegalmente le donne di opportunità di lavoro, questi annunci riflettono opinioni profondamente discriminatorie sulle donne ritenute meno capaci intellettualmente, fisicamente e psicologicamente degli uomini, o non completamente dedite al lavoro dato che alla fine se ne andranno per mettere su famiglia. Dopo l’annuncio della “politica dei due figli” nel 2015, le donne che lavorano in Cina hanno dovuto affrontare sempre più discriminazioni legate alla gravidanza. Alcune hanno intentato azioni legali contro datori di lavoro che le hanno licenziate o degradate o hanno tagliato la loro paga, dopo essere rimaste incinte.

Molestie sessuali

Tra gli oltre 50 milioni di verdetti dei tribunali disponibili al pubblico tra il 2010 e il 2017, solo 34 si sono concentrati sulle molestie sessuali (secondo uno studio del 2018 del Beijing Yuanzhong Gender Development Center). Tra questi casi, solo due sono stati portati da vittime che hanno citato in giudizio i molestatori, ma entrambi siano stati archiviati per mancanza di prove. La maggior parte dei casi è stata intentata da molestatori per diffamazione dopo le accuse delle vittime, o contro i datori di lavoro dopo che li avevano licenziati per molestie sessuali. Il numero esiguo di cause per molestie sessuali non indica che non siano un grosso problema in Cina.

In uno studio del 2019, il 71% delle donne intervistate ha affermato di aver subito molestie sessuali sul posto di lavoro. L’assenza di cause giudiziarie indica le difficoltà che le donne devono affrontare per chiedere un risarcimento legale

HRW ha trovato numerosi post su piattaforme di social media cinesi e forum online in cui funzionari di sesso femminile anonimi descrivevano le loro esperienze di molestie sessuali e chiedevano consigli sulla gestione delle molestie sessuali da parte di superiori maschi. Nel giugno 2020, il Congresso nazionale del popolo, il parlamento cinese, ha introdotto un codice civile che, per la prima volta, definisce le molestie sessuali e afferma che gli autori possono essere ritenuti responsabili, sebbene sia vago su quale ricorso sia disponibile per le vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

On screen