L’Onu presenta il primo rapporto sui danni dell’alienazione parentale applicata nei tribunali: ma che cos’è e come si è evoluta la lobby pro-Pas?

Intervento della nostra direttrice Luisa Betti Dakli durante la maratona su Folsom Prison Blues riguardo a come nasce la violenza istituzionale che punisce le mamme che denunciano il partner

1632

Rem Alsalem, Special Rapporteur delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne e le ragazze, presenta il rapporto “Affidamento, violenza contro le donne e violenza contro i bambini” per la prima volta incentrato sui problemi di custodia incentrato sull’abuso della pseudo teoria dell’Alienazione parentale e di altri pseudo-concetti affini, al #HRC53 di giugno 2023. Il rapporto affronta il nodo tra i casi di affidamento e la violenza domestica e di come questa dilaghi ormai nei tribunali di tutto il mondo provocando danni enormi e violando diversi diritti inalienabili.

Un rapporto che mostra come l’alienazione parentale sia lo strumento per proseguire la violenza e minare la credibilità della mamma che accusa di violenza domestica cercando di proteggere i propri figli. Per cui l’Onu raccomanda ai giudici di abbandonare la applicazione di concetti legati all’alienazione parentale ormai propria della psicologia forense, e di concentrarsi sui fatti e sui contesti specifici di ogni caso.

Ma cosa è la Pas e chi la usa nei tribunali? Nell’intervento su “Violenza su donne e minori: l’evoluzione della lobby pro-Pas”, Luisa Betti Dakli, Direttrice del giornale online DonnexDiritti ft International Women e Cpo dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, spiega in pochi minuti le origini della lobby pro-pas, i legami politici e le strategie future, durante la video maratona “Dalla parte dei bambini” andata in chiaro su Folsom Prison Blues a cura dei giornalisti Umberto Baccolo e Delfina Unno Pastalunghi che DXD ringrazia per l’impegno nel dare visibilità al fenomeno della violenza istituzionale (cliccare sul video in apertura).