Parla lo stupratore della tassista: “Aspettavo l’autobus ma poi ho avuto un raptus”

Alla fine è stato trovato, e lui ha confessato dicendo che è stato un raptus. Si tratta dell’uomo che ha aggredito e stuprato la tassista romana di 43 anni che la scorsa settimana ha caricato sul taxi un cliente che si è fatto portare verso Ponte Galeria e che una volta arrivati in una strada isolata, ha assalito la donna. L’uomo, che si chiama Simone Borghese e … Continua a leggere Parla lo stupratore della tassista: “Aspettavo l’autobus ma poi ho avuto un raptus”

Lydia Cacho a Roma

MARTEDì 7 OTTOBRE ORE 18:00 ALLA CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE (Via della Lungara, 19 Roma) incontro pubblico con LYDIA CACHO in occasione dell’uscita italiana di “I DEMONI DELL’EDEN” (Fandango Libri). Interverranno LUISA BETTI, LORETTA BONDI’, BARBARA SPINELLI. “Le mafie mi vogliono morta non per quello che so, ma per quello che voi e le vostre figlie saprete leggendo i miei libri.” Lydia Cacho In diretta dall’inferno: … Continua a leggere Lydia Cacho a Roma

Perché lo stupro coniugale è un tabù, e non solo in Italia

In un recente rapporto dell’Unicef, “Hidden in Plain Sight”, si legge che un’adolescente su tre in India viene regolarmente picchiata e violentata dal proprio marito, e che in 190 Paesi del mondo circa 84 milioni di ragazze che hanno o hanno avuto una relazione stabile, è stata vittima di violenza psicologica, fisica o sessuale da parte del marito o del partner, e che circa il 70% delle giovani … Continua a leggere Perché lo stupro coniugale è un tabù, e non solo in Italia

#Violenza sulle donne, mattanza silenziosa (2010)

IL MANIFESTO – FUORIPAGINA 25/11/2010 Luisa Betti In occasione della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, l’associazione D.i.re, Donne in rete contro la violenza che coordina 58 centri in tutta Italia, lancia un grido disperato per fermare la chiusura dei centri e delle case di accoglienza che ospitano donne devastate da abusi e violenze. Sono Carmen, Vichi, Mariolina, Eleonora, che sono arrivate ieri a Roma, alla … Continua a leggere #Violenza sulle donne, mattanza silenziosa (2010)

Cosa significa “centro antiviolenza”? (DL femminicidio IV parte)

Si parla molto, e se ne parlerà ancora, del decreto sul femminicidio che la prossima settimana approda in aula. Se ne parla perché finalmente c’è una partecipazione della società civile che lavora con indefessa volontà alla costruzione di un percorso politico e che non solo è riuscita a far mettere in agenda la questione della violenza di genere da un parlamento che ha ratificato la … Continua a leggere Cosa significa “centro antiviolenza”? (DL femminicidio IV parte)

La violenza non è un passepartout (DL femminicidio II parte)

Mentre sui giornali appaiono notizie di arresti in flagranza per violenza domestica grazie al decreto legge sul femminicidio (n.93/2013), come se fosse spuntata la bacchetta magica in mano a uno Stato incapace di affrontare il problema, continuano le critiche argomentate verso il DL di ferragosto che però, guarda caso, non hanno uno spazio mediatico adeguato, almeno sui giornali nazionali a grande tiratura. Un meccanismo di speculazione … Continua a leggere La violenza non è un passepartout (DL femminicidio II parte)

Perché il decreto su femminicidio non va (I parte)

Dopo una prima, e fin troppo facile entusiastica, esaltazione mediatica del decreto legge sul femminicidio varato dal governo Letta in pieno agosto (cosa che ha consentito un passaggio in sordina rispetto a quello che la società civile e l’informazione attenta avrebbe potuto fare e dire), arrivano adesso le prime critiche argomentate verso un impianto che presenta gravi disattenzioni. Prima fra tutti l’ingenuità (ma è davvero … Continua a leggere Perché il decreto su femminicidio non va (I parte)