Racconto porno soft della violenza sulle minorenni: dalle baby squillo a Desirèe

Intervento alla TAVOLA ROTONDA “Un minore… tanti processi” che si è svolto il 10 maggio presso la Sede dell’Organismo Congressuale Forense organizzato dall’Unione nazionale camere minorili a Roma. Tra gli altri sono intervenuti l’avvocata Rita Perchiazzi, Presidente UNCM, il magistrato Giacinto Bisogni, Consigliere in Cassazione, l’avvocata Lucilla Anastasio, Consigliera dell’Ordine degli avvocati di Roma, Gianmario Gazzi, Presidente Ordine Nazionale Assistenti Sociali, l’avvocato Maurizio Benincasa, Consigliere UNCM e Presidente FIRST, avvocato Christian Serpelloni, … Continua a leggere Racconto porno soft della violenza sulle minorenni: dalle baby squillo a Desirèe

Stupro di Viterbo e Casapound: Salvini condanna ma l’ideologia è la stessa

“Chiunque essi siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati”, ha detto Salvini ieri sullo stupro di Viterbo dimostrando che la nazionalità degli offender non ha nessuna importanza per lui questa volta. Uno stupro denunciato da una donna di 36 anni  su cui il vicepremier ha evitato accuratamente di parlare del fatto che le indagini non sono a carico di stranieri ma … Continua a leggere Stupro di Viterbo e Casapound: Salvini condanna ma l’ideologia è la stessa

Le donne sfilano con “Questo non è consenso” scritto sulle mutande: dal tanga ai jeans, le assoluzioni nei processi per stupro

#ThisIsNotConsent è lo slogan delle donne che in Irlanda sono scese per le strade per protestare contro la sentenza che a Cork ha assolto un uomo di 27 anni per lo stupro nei confronti di una minorenne di 17 anni. Proteste organizzate a Dublino, Galway, Limerick e Cork, dove le donne hanno coperto le scale del tribunale con le loro mutande ben esposte, contro una … Continua a leggere Le donne sfilano con “Questo non è consenso” scritto sulle mutande: dal tanga ai jeans, le assoluzioni nei processi per stupro

Stupro di Firenze: condannato uno dei carabinieri ma come parlavano ieri i giornali delle due studentesse americane?

“Sono stata trattata senza dignità. Sono rimasta venti ore senza mangiare, dormire, senza cellulare, senza potermi fare una doccia o cambiare la maglietta. Alle 3 è successo tutto, ma ho parlato con mio fratello solo alle 11.45 della sera dopo. Orribile. Quella notte sono dovuta andare in tre ospedali diversi e a tutti raccontare sempre la stessa storia. Negli Stati Uniti non sarebbe successo, qui … Continua a leggere Stupro di Firenze: condannato uno dei carabinieri ma come parlavano ieri i giornali delle due studentesse americane?

Quanto dobbiamo tornare indietro?

Firenze, due ragazze americane in piena notte, non trovando un taxi, vengono riaccompagnate a casa da due carabinieri arrivati per sedare una rissa nella discoteca dove si trovavano le giovani. Appena messo piede in casa denunciano uno stupro, da parte dei due uomini in divisa che le avrebbero seguite nell’abitazione dove alloggiavano per aggredirle, una in ascensore, l’altra per le scale. Si aprono le indagini, … Continua a leggere Quanto dobbiamo tornare indietro?

Raccontare il femminicidio seguendo 10 piccole regole

Il 25 novembre nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha ricordato che “non basta denunciare la violenza” ma che «bisogna rimuovere le cause e le condizioni che danno luogo a tutto questo: un lavoro culturale, educativo, per le istituzioni e per tutti settori della società compresa la scuola, il giornalismo, la comunicazione, le università”. Sulla stessa linea … Continua a leggere Raccontare il femminicidio seguendo 10 piccole regole

Parla lo stupratore della tassista: “Aspettavo l’autobus ma poi ho avuto un raptus”

Alla fine è stato trovato, e lui ha confessato dicendo che è stato un raptus. Si tratta dell’uomo che ha aggredito e stuprato la tassista romana di 43 anni che la scorsa settimana ha caricato sul taxi un cliente che si è fatto portare verso Ponte Galeria e che una volta arrivati in una strada isolata, ha assalito la donna. L’uomo, che si chiama Simone Borghese e … Continua a leggere Parla lo stupratore della tassista: “Aspettavo l’autobus ma poi ho avuto un raptus”