Perché ho accettato di candidarmi alle elezioni di Stampa Romana andando Controcorrente

Il mio è il tesserino n. 061857 e sono iscritta all’ordine dei giornalisti professionisti del Lazio come Luisa Betti. Ho guadagnato questo tesserino con un praticantato in un giornale dove ingoiavo rospi ogni giorno. Arrivata a  Mediaset me ne sono andata dopo 6 mesi perché non volevo leccare il culo a nessuno e perché non ho mai permesso a nessun uomo di trattarmi come un oggetto su cui mettere le mani addosso per il mio aspetto. A metà della mia carriera, ho preso la coraggiosa quanto sfrontata decisione di dedicarmi anima e corpo ai diritti di chi non ha voce, rimettendomi sui libri e scegliendo un giornalismo militante per raccontare violenze e abusi su donne, bambini e bambine, e l’ho fatto malgrado colleghi che mi dicevano che in Italia dei diritti umani non frega niente a nessuno. Ho scritto, fotografato, girato con la telecamera in spalla. In Italia nelle carceri con i bambini dagli zero ai tre anni, a Damasco tra i due milioni di profughi dove le bambine venivano comprate e prostituite nei quartieri a luci rosse, in Giordania ad ascoltare tra le lacrime le violenze subite dalle donne scappate dalla guerra in Iraq, in Russia tra i bambini diversamente abili che lì erano considerati esseri inutili da togliere appena nati alle mamme per essere buttati dentro un Internat fino a che non morivano di stenti. Ho raccontato, registrato, fotografato realtà dove dovevi tapparti il naso per la puzza. Ho parlato e ascoltato con il magone in gola persone disperate che consegnavano nelle mie mani le proprie storie come fosse la loro ultima speranza.

La mia vita e il mio lavoro è stato pieno di ostacoli che ho affrontato con fierezza perché, malgrado una figlia piccola da crescere da sola, non volevo che nessuno un giorno mi dicesse che mi ero venduta, che ero diventata una pennivendola, o una puttana, come tempo fa ha detto il nostro vicepremier Luigi Di Maio insieme al suo amico a 5stelle, Alessandro Di Battista. Affermazioni che mettono in pericolo la libera informazione e che mi hanno convinta a difendere la mia categoria come mai avevo fatto prima, rispondendo sì alla collega e amica Silvia Resta, quando mi ha chiesto di candidarmi al sindacato di Stampa Romana nelle liste di Controcorrente al numero 7 (clicca per leggere il programma).

0

Una decisione presa anche per correre insieme, sempre Controcorrente, alle meravigliose colleghe e compagne di viaggio di cui conservo gelosamente il ricordo di ogni pezzetto di strada fatto fianco a fianco: da Alessandra Mancuso, a Silvia Resta e Garambois, Paola Spadari, Sonia Oranges, Flavia Landolfi, Cristina Cosentino, Elisa Manricola, Beatrice Curci, Maria Lepri, Roberta Serdoz, Arianna Voto, Natalia Lombardo, che mi sono nel cuore e che voglio sostenere nella lista in cui ho scelto di essere perché so che insieme a loro possiamo lavorare davvero per una parità di genere che non sia di facciata ma reale.

0-1

Ho scelto quindi di candidarmi per Stampa Romana per non sentire più di stipendi meno remunerativi a pari mansione per donne che non riescono ad arrivare a ruoli apicali se non “quasi per sbaglio”, per non vedere più mamme che devono scegliere tra il posto e la maternità, per cancellare per sempre la precarietà e la ricattabilità delle colleghe in redazioni dove la maggior parte dei capi e dei direttori sono uomini non sempre sensibili né educati alle questioni di genere sia a livello relazionale sia nel trattamento delle notizie, e infine perché non voglio aspettare che l’onda #metoo invada le nostre redazioni dove ancora troppo spesso le donne rischiano molestie di cui non parlano per paura di perdere il lavoro, ma per provocarla come uno tsunami.

17458406_430674590611339_1994082885109548597_n

COME SI VOTA? QUI TROVI LE ISTRUZIONI

Si vota ON LINE dal 12 al 16 dicembre dalle 10 alle 18 con 33 preferenze per Associazione Stampa Romana e 26 per la Federazione nazionale stampa italiana, e i voti di preferenza possono essere espressi soltanto nell’ambito di una sola lista, pena la nullità della scheda, in quanto il voto di preferenza costituisce voto di lista.  Il sistema di voto online prevede l’identificazione dell’avente diritto al voto tramite coppia di credenziali: username/password che riceverete LUNEDI’ 10 DICEMBRE dall’indirizzo mail elezioni-asr@evoting.it e successivamente alla validazione tramite l’inserimento del PIN ricevuto via sms.

Per votare devi essere iscritto o iscritta al sindacato Stampa Romana e se non sei in regola con le quote potrai sanarle entro il 6 dicembre con un bonifico (qui le istruzioni) oppure andare a votare fisicamente ai seggi dove potrai saldare la tua quota direttamente prima del voto: seggi fisici che saranno allestiti presso le sedi di Viterbo (12 dicembre), Frosinone (13 dicembre), Latina (14 dicembre), e Roma dove la sede di Stampa Romana sarà aperta il 15 e 16 dicembre in Piazza della Torretta 36 sempre dalle 10 alle 18 (066840271).

QUOTE

  • per 2 anni di arretrati (2017-2018): € 60,00
  • per 3 anni di arretrati (2016-2017-2018): € 90,00
  • dai 4 anni in poi: € 120,00

Per i freelance, collaboratori, cassintegrati e disoccupati la sanatoria prevede la cifra massima di € 70,00 così ripartita:

  • per 2 anni di arretrati (2017-2018): € 35,00
  • per 3 anni di arretrati (2016-2017-2018): € 55,00
  • dai 4 anni in poi: € 70,00

ISTRUZIONI PER CHI NON RICEVE LE CREDENZIALI PER VOTARE

Da mercoledì 12 dicembre si potrà chiedere la loro rigenerazione rivolgendosi ai numeri: 06/68402707-36, oppure utilizzando la mail: segreteria@stamparomana.it. La richiesta di rigenerazione delle credenziali  va effettuata tra le ore 10.00 e le ore 18.00 dal 12 al 15 dicembre e, tra le ore 10 e le ore 16.00 del 16 dicembre.

47572278_825734591105335_5971288251330199552_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...